Il 16 e 17 giugno al Teatro Romano due serate musicali di solidarietà in ricordo di Fabrizio De Andrè

Fabrizio De André, la voce degli ultimi” è il titolo dei due eventi straordinari che uniranno musica e solidarietà con le indimenticabili canzoni di De André che risuoneranno a sostegno delle attività della Ronda della Carità di Verona per gli ultimi. Una iniziativa che ha il patrocinio morale della Fondazione Fabrizio De André (è invitata Dori Ghezzi) ed il patrocinio del Comune di Verona.

Nelle due serate di domenica 16 e lunedì 17 giugno si esibiranno 130 coristi, 20 voci soliste e 14 musicisti nei capolavori integrali di De Andrè: La buona novella e Non al denaro non all’amore né al cielo.

Il ricavato sarà devoluto alla Ronda della Carità di Verona grazie agli sponsor che contribuiranno a sostenere l’organizzazione. Ricordiamo che questa associazione assiste ogni sera le persone senzatetto di Verona che vivono in uno stato di estrema povertà urbana grazie alle donazioni che riceve ed ai più di 350 volontari che offrono il loro tempo ogni giorno.

Nel dettaglio, domenica 16 giugno alle 21.15 si tiene la serata “La buona novella” con Gilberto Lamacchi che presenta l’album e dove teatro, cori, canto e strumenti coniugheranno l’originale melodico e riflessivo del 1970 con la rielaborazione progressive rock della PFM nel 2010.

Gli artisti coinvolti in questa prima serata saranno alla voce Gilberto Lamacchi, attori Giulia Cailotto, Andrea De Manincor, disegni su sabbia Sara Ferrari, arrangiamenti corali e direzione Giancarlo Tortella, 130 voci dai cori Beato Giuseppe Baldo di Ronco all’Adige, Coro don Agostino Rossi di Scardevara, Allegro Coro Duomo di Villafranca, Coro di Sommacampagna, Coro di Madonna del Popolo di Villafranca, Coro Santa Cecilia di Cadidavid, Chorus di Pastrengo, musicisti Edoardo Bissolo-basso, Eleonora Elio-violino, Claudio Moro-chitarre, Martino Posenato-chitarre, Giovanni Romio-batteria, Paolo Zanella-tastiere.

Lunedì 17 giugno sempre alle 21.15 è invece programmata la serata “Non al denaro non all’amore né al cielo” con Enrico de Angelis che presenta dieci voci femminili che interpreteranno “Spoon River” da Edgar Lee Masters a Fabrizio De André. Testo originale e voce narrante a cura di Enrico de Angelis. Lettrici Sandra Ceriani, Margherita Sciarretta, interpreti Raffaella Benetti, Giuliana Bergamaschi, Claudia Bidoli, Grazia De Marchi, Laura Facci, Deborah Kooperman, Veronica Marchi, Terry Veronesi, musicisti Enrico Terragnoli-basso acustico e arrangiamenti, Claudio Moro-chitarra, Giuseppe Zambon-fisarmonica, Andrea Faccioli-banjo, bouzouki, chitarra, Marco Pasetto-clarinetti, ocarina, sax, Maria Vicentini-viola e violino, Tommo Castiglioni e Massimo Rubulotta-percussioni.

Gli ingressi previsti per le due serate sono: Poltronissime € 25, poltrone € 20, gradinate € 15. Abbonamenti per due serate: Poltronissime € 40, poltrone € 30, gradinate € 20. La prevendita è già aperta presso Box Office Verona, via Pallone 16, tel. 045/8011154 o dal sito ai seguenti link:

Enrico Olioso
Nato a Bussolengo il 16 agosto 1964, risiede dall’età di 5 anni a Sona (i primi 5 anni a Lugagnano). Sposato con due figli. Attivo nel mondo del volontariato fin dall’adolescenza, ha fatto anche esperienza di cooperazione sociale. È presidente dell’associazione Cav. Romani, socio Avis dal 1984 e di Pro Loco Sona dal 2012. Fa parte della redazione di Sona del Baco da Seta dal 2002. È tra gli ideatori del progetto Associazioni di Sona in rete attivato nel settembre 2014 e del progetto Giovani ed Associazioni attivato nel 2020.