Il 100% dell’acciaio inox viene sempre riciclato: scopriamo questo materiale green

L’industria siderurgica tricolore rappresenta, da sempre, uno dei principali motori economici del nostro Paese. Non a caso, la produzione di acciaio impiega tanti lavoratori e genera ottimi fatturati, al punto da posizionare la Penisola ai primi posti in Europa.

Inoltre, al contrario di quanto si potrebbe credere, l’acciaio è anche un materiale eco-sostenibile e molto versatile. Si parla, infatti, di un materiale che viene sempre riciclato al 100%, e che merita dunque di essere scoperto in ogni sua sfaccettatura.

Perché l’acciaio è un materiale eco-sostenibile?

Anche se spesso pensiamo all’acciaio come ad un materiale pesante e molto complicato da smaltire, in realtà questo rientra nella lista delle materie green. Intanto per una questione relativa alla fase di produzione, dato che per ottenere l’acciaio inossidabile il consumo di energia risulta moderato: si parla soprattutto del calore, visto che – a differenza di altre leghe metalliche complesse – questa non ne richiede molto.

Se dunque l’ecosostenibilità di questo prodotto si vede sin dalla produzione, bisogna dire che il ciclo finale risulta ancora più green delle altre fasi. Quando si parla dello smaltimento, infatti, l’acciaio inossidabile dà il meglio di sé in termini “verdi”, perché è totalmente riciclabile.

Insomma l’Italia si distingue da sempre per quel che riguarda la lavorazione dell’acciaio, questo anche per merito di aziende manifatturiere che eccellono nel loro campo, come ad esempio Siera, specializzata nel taglio dei tubi inox e nella loro lavorazione. Anche per questo è interessante capire le tante applicazioni dell’acciaio nell’industria odierna: si parte dalla costruzione degli impianti energetici, fino ad arrivare a quelli di tipo rinnovabile, come le bio-raffinerie.

Per quanto concerne i vantaggi, l’acciaio dimostra una durevolezza nel tempo molto elevata, una forte resistenza agli agenti corrosivi e – infine – un pregevole livello di igienicità.

Anche l’industria siderurgica è eco-friendly

Non solo l’acciaio, perché in realtà l’intera industria siderurgica può dirsi amica dell’ambiente, viste le crescenti attenzioni in tal senso. Si parla di tutti quei recenti investimenti mossi dalle aziende di settore, e finalizzati alla creazione di una filiera più responsabile e più rispettosa del pianeta. Basti pensare ad aspetti fondamentali come la gestione delle acque reflue, insieme alla protezione dell’aria e alla gestione dei rifiuti prodotti.

I dati confermano questa nuova strada green intrapresa dal settore siderurgico: 72,3 milioni di euro spesi per finanziare ricerche e interventi a sostegno dell’ambiente, ovvero il 3,2% del budget totale (circa 1,1 miliardi di euro). I numeri esposti da Federacciai, dunque, aiutano a sfatare un altro mito: quello dell’imprenditoria siderurgica poco attenta alla natura, e al benessere del pianeta (oltre che alla sua protezione).

Sono ancora una volta i dati a fornire un’ulteriore conferma di ciò: negli ultimi 23 anni, l’Italia ha visto una riduzione del 25% in termini di consumi energetici e idrici nel settore siderurgico, e un 20% nella produzione di rifiuti.

La Redazione

About La Redazione

Il Baco da Seta nasce del 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews

Related posts