I libri più belli del 2016 (a nostro insindacabile giudizio)

Cosa resterà dei libri usciti durante il 2016? Ecco un elenco di alcuni dei libri imperdibili usciti nell’anno che sta per finire. Siete ancora in tempo per non lasciarveli scappare!

Kent Haruf, “Trilogia di Holt”

Benedizione, Canto della pianura e Crepuscolo sono uno più intenso dell’altro. Sono tutti ambientati tra le strade isolate e il ritmo lento di Holt, cittadina del Colorado avvolta da una atmosfera nostalgica, dove la fatica del vivere pesa su ogni abitante, senza distinzione di sesso ed età. Qui vive gente qualunque, che si trova a battersi tra i problemi, i desideri, le ansie, le complicazioni del quotidiano, in un tempo scandito da stagioni ed eventi sempre uguali. All’apparenza così ordinari ma capaci di lasciare un segno straordinario nel cuore del lettore sono i fratelli McPheron, Tom Guthrie, Victoria e tutti gli altri protagonisti della trilogia, uscita di recente in libreria, dopo il successo planetario, anche in un elegante cofanetto.

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE COMPLETA

.

Strout, “Mi chiamo Lucy Barton”

Elizabeth Strout, famosissima autrice di Olive Kitteridge, per cui ha vinto il Premio Pulitzer, ha scritto un altro piccolo gioiello, cioè la breve storia di una figlia e di una madre, che si svolge tra le pareti di un ospedale di Manhattan nel corso di pochi giorni. Lucy, ricoverata, riceve la visita della madre, con cui non parla da tanto tempo. Nei cinque lunghi giorni che trascorrono insieme, l’una in un letto d’ospedale e l’altra al suo capezzale, si parlano, si confessano, si ritrovano, tornano ad amarsi.

.

le-ragazzeCline, “Le ragazze”

Siamo nella California di fine anni Sessanta ed Evie, adolescente insoddisfatta, si trova per caso ad osservare un gruppo di ragazze e ne rimane colpita perchè sembrano diverse: libere dalle regole e dallo sguardo penetrante dei genitori, sfrontate e divertenti, al contrario di lei e delle sue giornate monotone, sempre in attesa di grandi cambiamenti, che però nella sua vita tardano ad arrivare. Evie vorrebbe essere considerata interessante, ascoltata e guardata davvero, cosa che i suoi genitori non fanno da tempo, persi nelle loro occupazioni ed insoddisfazioni. Ecco allora che la “Family” diventa la sua casa, tra trasgressione e sregolatezza, perché si sente accettata e parte di un tutto. Quel gruppo però si rivela una setta, che nel libro ricalca in maniera abbastanza fedele quella di Charles Manson, un trentaduenne che in California aveva attirato intorno a sé giovani ragazzi affascinati dal suo carisma e dalla sua musica. Ne era nato un gruppo che viveva di furti, sesso libero, droghe e balli sfrenati. La “Family”, completamente succube di Manson, progettò nella prima settimana di agosto del 1969 una serie di efferati omicidi a Los Angeles, tra cui quello di Sharon Tate, moglie incinta di Roman Polanski. Il romanzo, opera prima di una giovanissima californiana con stoffa da vendere, non è una fedele ricostruzione delle attività della setta e della strage che compì, quanto soprattutto un’analisi molto profonda dell’età adolescenziale e di una ragazza fragile, facile preda di menti manipolatrici senza scrupoli.

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE COMPLETA

.

nottiBussola, “Notti in bianco, baci a colazione”

Quando diventi padre, il tuo dopo è che pesi tre chili e mezzo in più, all’incirca. Comprendi già dal primo secondo che quello sarà un dopo definitivo, l’unica cosa della tua vita dalla quale non potresti mai più tornare indietro. Nemmeno volendo, neanche impegnandoti con tutto te stesso, qualunque cosa tu faccia del tuo futuro, questo dopo non cambierà.

Questo è quanto afferma l’autore a proposito della paternità. Matteo Bussola, disegnatore di fumetti veronese, compagno di Paola, sceneggiatrice di Dylan Dog, e padre di Virginia, Ginevra e Melania, ha raccolto nel suo diario riflessioni e dialoghi che aveva pubblicato nel tempo sulla sua pagina Facebook, sempre più famosa. Per quanto brevi e di immediata leggibilità, gli episodi della vita familiare di questo originale papà colpiscono nel profondo per la tenerezza e la sincerità con cui mette a nudo se stesso, durante le piccole e grandi fatiche del vivere quotidiano, nel suo eterno arrabattarsi tra lavoro e casa, stupendosi giorno dopo giorno dei progressi, delle domande e delle scoperte delle sue piccole donne. “Notti in bianco, baci a colazione” è la dolcezza di un papà che fa il minestrone e che si alza all’alba per lavorare in pace prima che le figlie si sveglino, che non sa fare le trecce e che accoglie l’entusiasmo genuino delle sue bambine come un regalo, capace di cambiarlo profondamente e renderlo migliore. Veramente una lettura che fa bene al cuore, scritta da un uomo gentile e sensibile, che non ha la pretesa di insegnare niente a nessuno né di trovare formule magiche di sopravvivenza alle sfide che la genitorialità impone. Si tratta “solo” di un padre che guarda con grande rispetto all’età infantile, che ama dal profondo del cuore le sue bambine e la donna che gli è accanto, che riflette seriamente sulle priorità della vita e conosce l’autoironia.

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE COMPLETA

.

Manzini, “7-7-2007”

Questo romanzo il prequel della serie che ha come protagonista Rocco Schiavone, vicequestore di Aosta ma romano d’origine, capace di indagare in mezzo alla neve con le Clarks, fumando una sigaretta dietro l’altra e rispondendo in modo rude a chiunque osi disturbarlo. Manzini ci racconta le motivazioni che stanno dietro la morte dell’amatissima moglie Marina, da cui il protagonista viene segnato per sempre. E’ un inno all’amore coniugale e all’ amicizia vera, un’ode a Trastevere e agli uomini imperfetti come Rocco, che pagano carissimi i loro sbagli e sanno amare come pochi.

.

mio-fratelloMazzariol, “Mio fratello rincorre i dinosauri”

L’autore di questo romanzo di formazione, da mesi e mesi in classifica, è un ragazzo di diciannove anni di Castelfranco Veneto, Giacomo, che un giorno del 2015 decide di girare un breve video per i compagni di classe, dove mostra un finto colloquio di lavoro del fratello minore, Giovanni, disabile. Il corto, pubblicato il 21 marzo, Giornata Mondiale della Sindrome di Down, si chiama “The simple interview” e in pochissimo tempo ottiene un successo incredibile sulla rete, al punto che Einaudi gli chiede di farne un libro. La storia racconta una disabilità ma non, come ci aspetteremmo, quella di Giovanni, ma quella di Giacomo, a cui un giorno i genitori dicono che avrà un fratellino e sarà “speciale”. E’ una lunga strada verso l’accettazione e più in generale è la storia di un lento innamoramento, di un legame fortissimo e speciale, attraverso il quale in modo molto ironico ed acuto Mazzariol ci dà una lezione di vita.

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE COMPLETA

.

brizzi-matrimonioBrizzi, “Il matrimonio di mio fratello”

Chi ha letto “Jack Frusciante è uscito dal gruppo” vent’anni fa, sicuramente tornerà ad emozionarsi con questo romanzo della maturità di Brizzi, in cui ci viene narrata la storia di due fratelli che hanno preso strade molto diverse ma che il destino riunisce. Teo ha quasi quarant’anni quando riceve la telefonata di sua madre, mentre si trova al volante, e apprende che suo fratello Max è sparito. Alla richiesta di aiuto dei genitori, accetta controvoglia di mettersi alla sua ricerca, andandolo a cercare in un paesino dolomitico, dove il fratello risiedeva da un po’. Mentre guida per raggiungere quel luogo sperduto, Teo ripercorre la sua infanzia, la sua giovinezza, il rapporto di rivalità con Max e finisce per fare il punto sulla sua vita, sui suoi traguardi e sui suoi desideri. Un libro che parla dei quarantenni di oggi, dei loro valori, delle loro insicurezze legate anche alle famiglie che li hanno cresciuti. Tra le pagine si analizza l’istituzione del matrimonio, spesso visto come tomba dell’amore, da un punto di vista totalmente maschile. Trai tanti temi c’è anche quello dell’amore sincero per la montagna e voglia di andare a fare trekking, di arrampicare e godersi la vista delle splendide cime del nostro splendido Paese.

.

Che il 2017 sia pieno di letture di qualità! Auguri a tutti gli amanti dei libri.