Gualtiero Mazzi: “Preoccupato per il futuro del trasporto in Provincia”

Con la prossima primavera la Provincia di Verona di fatto cesserà di esistere, diventando un ente di secondo livello. Uno degli Amministratori che finirà il mandato sarà Gualtiero Mazzi (nella foto), oggi Assessore ai Trasporti in Provincia, Consigliere Comunale a Sona ed ex Sindaco sempre di Sona. Uno dei temi di cui si dibatte molto, e da tempo, in merito a questa trasformazione delle Provincie è proprio il futuro del trasporto pubblico extraurbano, che una delle sue deleghe, di cui dovranno in futuro occuparsi direttamente i Comuni.

 

Su questo tema Gualtiero Mazzi  ha rilasciato un’intervista interessante oggi su L’Arena, dove si dice “profondamente amareggiato nel constatare l’estrema confusione normativa sul futuro delle Provincie, del loro personale dipendente e delle loro funzioni. Confusione ed incertezza che determineranno solo disagi e problemi ai cittadini, purtroppo, in un tentativo dello Stato di accentrare nuovamente i poteri a Roma capitale”.

 

Certamente il fiore all’occhiello del mio mandato – ha dichiarato Mazzi al giornalista Ceruti – è rappresentato dal positivo risultato ottenuto per Verona nel settore dei trasporti pubblici. Infatti, dopo decenni di gestione nel Veneto della ripartizione delle risorse con criteri poco rispettosi delle peculiarità dei singoli territori e della gente che vi abita, da Verona è partita la forte richiesta di revisione. Una revisione che ho chiesto sulla base di criteri oggettivi e statistici, che tenessero conto di tutta una serie di elementi per fornire ad ogni realtà una giusta quota di risorse per assicurare servizi standard in tutto il Veneto. In questo, ho trovato grande collaborazione nel Comune di Verona e nell’azienda di trasporti Atv, cosicché, dopo due anni di ‘lotta politica’, il nostro territorio ha potuto avere da quest’anno oltre un milione di chilometri di corse aggiuntive da distribuire su tutta la rete a beneficio dei cittadini e l’azienda Atv, anziché ridurre il proprio personale sta assumendo una settantina di persone”.

 

“Ho costituito un tavolo permanente del trasporto pubblico con il Comune e l’azienda Atv per meglio armonizzare le linee e, prima della fine dell’ente Provincia per come è oggi, darò degli indirizzi per il futuro, ma resta palpabile l’incertezza che questo possa non essere sufficiente per assicurare che la strada intrapresa prosegua portando ulteriori miglioramenti. Mi auguro che i politici nazionali sappiano prendere provvedimenti completi che, anche se non condivisibili da tutti, siano esaustivi e non lascino le cose a metà. Non facciano insomma come nel caso della riforma delle Provincie – termina Gualtiero Mazzi -: non si sa nemmeno chi o cosa le sostituirà”.

 

 

La Redazione
Il Baco da Seta nasce nel 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews