Gli autisti del S.O.S. a scuola di Guida Sicura. Perchè il volontariato chiede sempre professionalità

Ascolta questo articolo

Federico, Pierluigi, Francesco, Marco, Matteo, Elena, Francesco, Gaetano, Fabio, Matteo, Massimo, Davide. Sono questi i nomi dei partecipanti alla terza edizione del progetto “Sona Guida Sicura” (nella foto sopra) che si è concluso sabato 25 novembre con la giornata di prova di guida pratica presso il centro DriveOK di Trento.

Questo progetto di diffusione della cultura della sicurezza stradale, ricordiamo, è stato realizzato grazie alla collaborazione tra Associazione Cavalier Romani, SOS-Sona, Verona Strada Sicura e Pro Loco Sona ed è stato condiviso e sostenuto economicamente dall’Amministrazione comunale.

Chi sono e chi rappresentano queste persone? Alcuni sono cittadini del Comune di Sona, altri provengono da altri comuni limitrofi. Cosa li accomuna? Sono tutti volontari dell’S.O.S. Sona e sono tutti autisti di ambulanza.

Sono persone che quotidianamente si assumono il ruolo di essere Team Leader di un equipaggio di ambulanza che garantisce il servizio di Emergenza-Urgenza sul nostro territorio. Super uomini e super donne? No… persone come tante. Hanno frequentato corsi specifici, si tengono formati ed informati, si assumono delle responsabilità. Niente di straordinario in tutto questo, tanti sono i volontari che quotidianamente si calano in un ruolo, si assumono delle responsabilità e ci mettono la faccia. Siamo una comunità molto ricca da questo punto di vista. E il S.O.S., per le peculiarità che ha, è una associazione che ha ampia possibilità di dare spazio e varie forme di cittadinanza attiva. Non è un privilegio. È una possibilità.

Essere autisti di ambulanza implica una assunzione di responsabilità. Al pari di tutti gli altri soccorritori si diventa incaricati di pubblico servizio , ma un autista è anche colui che garantisce la sicurezza di tutto l’equipaggio con la sua guida attenta e coscienziosa, equilibrata. E’ la persona che ha l’occhio vigile, previene le eventuali situazioni e fonti di pericolo, è il problem solver, è la persona che intrattiene le comunicazioni con la centrale del 118, è la persona che garantisce la sicurezza dell’equipaggio sul luogo del sinistro, è la persona che attiva la rete dei soccorsi  in casi di maxi-emergenza, E’ una figura chiave!

E’ stata data la possibilità, nell’ambito del progetto Sona Guida Sicura, a tutti gli autisti del S.O.S. di Sona di fare questo corso di Guida Sicura presso il DriveOk di Trento. Una opportunità di cui il S.O.S. è estremamente grato a tutti gli organizzatori. Perché oltre ad insegnare qualcosa di molto utile agli autisti e di applicazione quotidiana nella guida dell’ambulanza, costituisce un credito formativo importante che può essere abbinato al dossier di ogni singolo autista. Il DGR1515 della Regione Veneto prevede infatti che gli autisti di ambulanza, oltre che ai soccorritori, debbano sostenere un tot di ore di formazione obbligatorie annue che qualificano preparazione e professionalità. Il corso Sona Guida sicura a tutti gli effetti è un credito formativo che entra a far parte integrante del dossier di ogni singolo autista.

Il creare valore a volte è veramente solo una questione di farsi venire buone idee ed avere la tenacia di perseguirle. Idee come quelle del Progetto Sona Guida Sicura. “Al quale il S.O.S. Sona – dichiara al Baco il Presidente Briggi – è estremamente grato per l’opportunità che da ai propri autisti volontari!”.