Giovedì Rodotà a Caselle: “Com’è povero il diritto se non parla d’amore”. Organizza la Libreria Castioni

Appuntamento culturale di assoluto rilievo quello che si tiene giovedì a Caselle.

La Libreria Sergio Castioni di Lugagnano e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Sommacampagna organizzano infatti una serata con Stefano Rodotà

Tema della serata è “Il Diritto d’Amore. Com’è povero il diritto se non parla d’amore”.

Stefano Rodotà, Giurista, Professore emerito di Diritto civile all’Università di Roma La Sapienza, politico, eletto alla Camera come indipendente di sinistra nel 1979, 1983, 1987, ex presidente del Pds (1991-1992), ex garante per la privacy (1997-2005) e padre del pensiero che ha dato origine all’ossessione italiana per la privacy. Alle elezioni per il presidenza della Repubblica nell’aprile 2013, appoggiato dal Movimento 5 Stelle, arrivò a prendere 250 voti.

Ha una passione politica antica, sin dagli anni dell’adolescenza, quando correva nella notte all’edicola ad attendere l’uscita del mitico Mondo di Mario Pannunzio, ma poi rifiuta di candidarsi in Parlamento per il partito di Pannella. Radicale nella difesa del principio di uguaglianza, in Parlamento Rodotà entra come indipendente nelle liste del Pci.

È tra gli autori della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione europea. Indipendente. È quel che è stato tutta la vita: indipendente, a turno, dai socialisti, dai radicali, dai comunisti. Scrive su Repubblica.

Tra i suoi libri: Intervista su privacy e libertà, Elogio del moralismo, Il diritto di avere diritti, Il mondo nella rete.

La serata si tiene giovedì 28 gennaio alle ore 20.45 presso la Sala Polifunzionale di Caselle in via Scuole. L’entrata è libera.

Per informazioni è possibile chiamare al numero 3490888955 la Libreria Sergio e Clara Castioni.

.