“Ghiaccio. La leggendaria spedizione di Shackleton al Polo Sud”. Grande teatro giovedì a Sona

Prende il via a Sona giovedì 13 luglio la rassegna teatrale estiva “Storie al chiaro di Luna”, organizzata dal SpazioMio Teatro con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Sona.

La rassegna si apre con uno spettacolo dal grande impatto emotivo, “Ghiaccio. La leggendaria spedizione di Shackleton al Polo Sud”, con la Compagnia Aia Taumastica di Milano. Una commedia che conta quasi 300 repliche e che ha incantato tanto chi a teatro non è solito andare quanto i pallati più raffinati.

In scena la conquista del Polo Sud. Un viaggio in un seminferno bianco circondato da un gigantesco interminabile puzzle di ghiaccio e abitato da una natura impossibile e dai demoni della depressione. Scott, Amudsen e Shackleton sono stati gli ultimi pionieri di una sfida alla natura prima dell’era tecnologica, quando ancora il coraggio e la resistenza erano le uniche variabili su cui si poteva giocare la resistenza ancora prima della vittoria. Sir Ernest Shackleton e i 27 membri del suo equipaggio nei 22 mesi trascorsi prigionieri dei ghiacci ci hanno fatto giungere attraverso i propri diari le foto e le riprese un’avvincente testimonianza dell’ultima esplorazione dell’età eroica. Sebbene lontani dalla meta prefissata, l’attraversamento a piedi del continente Antartico, furono accolti in patria come vincitori, resuscitati da una tomba bianca come dal fallimento.

Come ripercorrere le orme di una folle esplorazione in un continente lontano e dal paesaggio lunare, onirico, come ricreare la forza di una natura indomabile sempre pronta ad annientare i suoi ospiti, come raccontare gli stenti i conflitti, il viaggio? E così attraverso le gesta di questi antieroi in un programmatico oscillare tra comicità e cotè cupi, la commedia parte da situazioni verosimili per sviluppare conseguenze improbabili, o da ambienti paradossali per descriverli come concreti… e come Shackleton e i suoi, fallire l’apparente obbiettivo principale per produrre effetti collaterali tanto più preziosi quanto imprevisti.

Massimiliano Cividati che è autore, interprete e regista, sa regalare una suggestiva interpretazione accompagnato dalla magia della musica dal vivo di Andrea Zani al pianoforte.

La formula, collaudata lo scorso anno, prevede dalle 20.30 un fresco aperitivo presso il parco di Villa Romani e, a seguire alle 21.30, la commedia nell’adiacente spiazzo accanto alla sala consigliare, dietro l’edificio ex canonica.