Finanziaria: incentivi energetici

La nuova legge finanziaria per il 2008 rivolge una attenzione particolare al risparmio energetico per le abitazioni, mantenendo ed ampliando analoghe misure previste dalla legge del 2007.

 

Vediamo nel dettaglio (articolo tratto da www.edilio.it).

 

Mutuo

Per l’acquisto della prima casa sale a 4mila euro l’importo massimo su cui applicare la detrazione del 19% per gli interessi passivi pagati sul mutuo. Possibilità di sospendere il pagamento delle rate del mutuo per non più di due volte e per un periodo massimo non superiore a 18 mesi.

 

ICI

Dal 2009, prevista la facoltà per i Comuni di applicare un’aliquota agevolata Ici inferiore al 4 per mille (per 3 o 5 anni) in favore di coloro che installano impianti a fonte rinnovabile.

 

Detrazione Irpef 55%

Confermata la proroga delle agevolazioni per la riqualificazione energetica degli edifici per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2010. La stessa detrazione spetta anche alle spese per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza energetica e di impianti geotermici.

 

Detrazione Irpef 36% e IVA 10%

Proroga al 31 dicembre 2010 della normativa relativa alla detrazione Irpef e all’aliquota agevolata Iva al 10% relativa alle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio.

 

Nuove costruzioni

Dal 2009, regolamenti comunali devono prevedere, per gli edifici di nuova costruzione l’installazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili che garantiscano per ciascuna abitazione almeno 1 kW di energia. Per i fabbricati industriali con superficie non inferiore a 100 metri quadrati, la produzione energetica minima viene fissata in 5 kW. Dal 2009, previsto che il rilascio del permesso di costruire sia subordinato alla certificazione energetica dell’edificio che deve avere caratteristiche strutturali che consentano risparmi idrici e reimpiego delle acque meteoriche.