Fasce orarie per l’acqua

Il Sindaco di Sona, “constatato che gli acquedotti comunali deputati a soddisfare ed assicurare alle utenze i necessari fabbisogni idropotabili ed igienico-sanitari, stanno registrando in questi periodi di siccità massicci consumi di acqua che causano situazioni di grave carenza idrica”, “considerato che tali carenze possono pregiudicare le condizioni igienico-sanitarie delle utenze” e “ritenuto di assicurare alla cittadinanza la costante, corretta e necessaria fornitura domestica per gli usi esclusivamente potabili ed igienico-sanitari” ha emanato l’ordinanza n. 4 del 4 luglio 2011.

Con tale ordinanza è fatto divieto su tutto il territorio comunale, con decorrenza 8 luglio e fino al 15 settembre, di utilizzare l’acqua prelevata dall’acquedotto comunale per i seguenti usi:
1- innaffiamento di orti e giardini fatta eccezione per le aree verdi comunali;
2- riempimento di piscine ad uso privato;
3- lavaggio di automezzi e di spazi esterni ad eccezione degli impianti di autolavaggio e di quant’altro non sia strettamente necessario ai fini del fabbisogno umano;
dalle ore 6.30 alle ore 08.30 e dalle ore 17.00 alle ore 21.00 di tutti i giorni feriali e festivi sino a nuove disposizioni che interverranno con successivo provvedimento.

 

I trasgressori saranno puniti con una sanzione amministrativa da € 25,00 ad € 500,00.

 

Articolo precedenteGrandi novità per Lugagnano? Il sindaco Gualtiero Mazzi presenta il masterplan
Articolo successivo“Problemi per chi non cammina al cimitero di Lugagnano”
Nato nel 1969, risiede da sempre a Lugagnano. Sposato con Stefania, ha due figli. Molti gli anni di volontariato sul territorio e con AIBI. Nella primavera del 2000 è tra i fondatori del Baco, di cui è Direttore Responsabile. E' giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Veneto. Nel tempo libero suona (male) la batteria.