Epifania e Befana: a Sona e San Giorgio gara di cotechini e fuochi d’artificio

Una vera festa di comunità quella che si è celebrata il 6 gennaio nei nostri paesi, in occasione dell’Epifania e della tradizione della befana.

Dell’Epifania e del falò di Lugagnano abbiamo già raccontato (LEGGI QUI IL SERVIZIO).

A Sona nel primo pomeriggio si è tenuta la benedizione dei bambini con il bacio all’immagine di Gesù Bambino, e a seguire nel salone parrocchiale un incontro per le adozioni a distanza.

Molto combattuta la gara dei cotechini organizzata dall’AVIS di Sona presso le opere parrocchiali. Ad essere premiati per i loro superbi e apprezzatissimi cotechini sono stati in quattro: primo sul podio Benamati, secondo Tinelli, terzo Bianchi e quarto Bertucco. Alla gara aveva partecipato anche Massagrande.

Successivamente, dopo la messa animata dal Coro Il Mio Paese, vi è stata l’accensione del falò dell’Epifania in piazza della Vittoria, preparato dagli agricoltori. A seguire risotto per tutti finché bruciava la vecia.

A San Giorgio in Salici il brujel si è bruciato nel campo sportivo. NOI, Campanari, Fanti e Alpini hanno offerto ai tantissimi presenti cioccolata calda, the, vin brulè e pandoro. Il freddo era pungente ma il pubblico si è scaldato in fretta non appena il fuoco è salito in cielo. Faticoso riconoscersi, tutti intabarrati, ma è stato sicuramente un bel momento di festa, allietato dalle bevande calde e per la prima volta dai fuochi d’artificio.

Nelle foto, la commissione giudicatrice della gara di cotechini a Sona e alcuni momenti del brujel a Sona e San Giorgio in Salici, con i fuochi artificiali.

La Redazione
Il Baco da Seta nasce nel 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews