Elezioni a Sona: “Gualtiero Mazzi non è candidabile per il centrodestra”. Lega e FdI prendono le distanze dall’autocandidatura dell’ex sindaco

“A volte ritornano” non è solo un romanzo di Stephen King. Lo anticipammo appena prima delle vacanze natalizie, nel numero 116 del Baco: già sindaco dal 2008 al 2013, poi consigliere di minoranza, il segretario della Lega di Sona Gualtiero Mazzi (nella foto di Mario Pachera) ha iniziato da qualche mese a farsi spazio all’interno della scacchiera politica locale.

Tuttavia, come scrivemmo all’interno della stessa analisi aggiornata a fine gennaio, non era ancora chiaro il ruolo che il leghista Mazzi avrebbe assunto durante questa campagna elettorale, nonostante il baricentro politico all’interno della coalizione di centrodestra pesasse (e pesi tuttora) sulla Lega.

Centrodestra che ieri, in un articolo pubblicato sul quotidiano L’Arena, sembrava essere uscito allo scoperto mediante la candidatura dello stesso Gualtiero Mazzi: “Mi candido per dare voce a coloro che votano Lega, ma anche a chi è rimasto insoddisfatto da questa amministrazione” (riferendosi alla maggioranza del sindaco Gianluigi Mazzi, NdR).

L’aspetto più curioso di quell’intervista è che tale candidatura (che suona più come un’autoinvestitura) non beneficia dell’avallo delle segreterie provinciali del partito, nonostante Mazzi affermi di avere il sostegno e il consenso degli altri partiti di centrodestra locali. Ci muoviamo, dunque, ancora sul terreno del marketing politico, di ufficialità c’è gran poco.

Così, mentre già sembrava delinearsi la rotta per un centrodestra unito capitanato dallo stesso Gualtiero Mazzi per le elezioni comunali di metà maggio, la stessa Lega sonese compie una brusca virata, non nascondendo la sorpresa e lo sconcerto dalla pubblicazione dell’articolo.

Il gruppo consiliare di Sona, nelle persone di Gaspare Di Stefano, Edgardo Pesce e Antonella Tortella, ha, infatti, contattato il Baco al fine di prendere le distanze dalla candidatura di Gualtiero Mazzi e fare chiarezza sulla questione.

Il gruppo Consiliare Lega – affermano i tre Consiglieri – ha sempre espresso la volontà di preparare una lista che raccogliesse tutta la coalizione di centrodestra, allargata anche ad eventuali liste civiche di area moderata”.

Il gruppo, affiancato e supportato dall’eurodeputato veronese della Lega Paolo Borchia, segretario provinciale della Lega di Verona, ha lavorato affinché si trovassero candidature in grado di evitare forzature fuori da qualsiasi logica di condivisione e compartecipazione.

“Se si fosse creata l’unità dei partiti di centrodestra, – proseguono i tre Consiglieri – il nome di Gualtiero Mazzi sarebbe stato preso in considerazione nella rosa dei candidati. Tuttavia, le risposte all’eventuale candidatura di Gualtiero Mazzi sono state, purtroppo, negative sia a livello dei partiti dell’eventuale coalizione, ma anche e soprattutto a livello di opinione pubblica”.

Un affondo, questo, pesantissimo nei confronti dell’ex sindaco, visto che, oltretutto, i Consiglieri “si dissociano in maniera netta e definitiva dall’iniziativa del Sig. Gualtiero Mazzi”, reputando ‘gravissima’ la scelta di autocandidarsi senza l’avallo della segreteria provinciale. Secondo il punto di vista dei Consiglieri, Gualtiero Mazzi “non è in alcun modo candidabile dal Gruppo ‘Lega – Salvini Premier’, considerato che lo strappo esercitato non è in alcun modo sanabile”.

Ribadiamo la nostra totale lealtà nei confronti del Direttivo Provinciale Lega – concludono Di Stefano, Pesce e Tortella –, e ci batteremo durante la prossima competizione elettorale affinché la Lega ottenga il miglior risultato possibile attorno a un candidato Sindaco quanto più possibile inclusivo delle istanze della coalizione di centrodestra e dei movimenti civici che vorranno aderire”.

Ma questa vicenda politica senza precedenti non finisce qui. Infatti, a breve giro di posta al Baco è arrivato anche il comunicato di Fratelli d’Italia, firmato da un peso massimo del partito, l’onorevole Ciro Maschio, e dal coordinatore di FdI per Sona Alberto Dalla Pellegrina, che prende anche qui totalmente le distanze da quanto dichiarato da Gualtiero Mazzi.

“Leggiamo con stupore le dichiarazioni di Gualtiero Mazzi sull’Arena – esordiscono Ciro Maschio e Dalla Pellegrinanelle quali annuncia la sua candidatura a Sindaco dicendo di avere il sostegno del centrodestra ed anche di Fratelli d’Italia. Tale dichiarazioni non corrispondono al vero ed è quindi necessario chiarire la posizione del nostro partito. A fine anno scorso quando girava la voce della sua candidatura (ma nessun documento locale era mai stato trasmesso al coordinatore provinciale) era stato da subito escluso il sostegno di FDI alla candidatura di Gualtiero Mazzi”.

“Quindi lo ribadiamo con chiarezza – prosegue il comunicato -: Gualtiero Mazzi non ha il sostegno di Fratelli d’Italia. Lo sa perfettamente anche lui, perché gli è stato comunicato personalmente, pochi giorni fa, anche dal Coordinatore provinciale On. Ciro Maschio, che lo ha ribadito più volte anche al tavolo provinciale. Millantare un sostegno che si sa già di non avere non è certo il modo migliore per lanciare la propria candidatura, ma questo è un problema di Gualtiero Mazzi, non nostro”.

“Per quanto riguarda Fratelli d’Italia, siamo consapevoli che il nostro partito può essere un valore aggiunto e ago della bilancia a Sona in una partita ancora apertissima. Abbiamo diversi amici sia nella coalizione di Busatta sia nella coalizione di Dalla Valentina, auspicavamo potessero riunirsi e ci dispiace che corrano separati e per questo non abbiamo ancora ufficializzato chi sosterremo. Nei prossimi giorni – terminano il coordinatore provinciale e quello comunale di FdI – valuteremo programmi e prospettive e scioglieremo le nostre riserve, annunciando se il nostro sostegno andrà a Busatta o Dalla Valentina, ma sicuramente non sarà a Gualtiero Mazzi”.

Una situazione, dunque, che non risolve né migliora i (già citati) problemi del centrodestra locale, nonostante ci sia qualche certezza in più sulle persone che (non) lo guideranno.

Ad oggi, al di là dell’uscita di Gualtiero Mazzi, i candidati sindaco sono quindi Gianfranco Dalla Valentina, sostenuto dalle liste ViviAmo Sona e Insieme perSona, e Corrado Busatta, rappresentante della coalizione Sona Domani e Scelta per Sona.

Ancora nessun annuncio dal gruppo Direzione Sona, costituito dal vicesindaco Monia Cimichella, dall’assessore Roberto Merzi e dal consigliere Paolo Bellotti, anche se fonti del Baco affermano che ormai è questione di pochissimo tempo.

Per conoscere tutto sul prossimo voto a Sona consulta la sezione speciale del nostro sito dedicata alle elezioni amministrative 2023.

Gianmaria Busatta
Nato nel 1994 e originario di Lugagnano, scrive per il Baco dal 2013. Con l'impronta del liceo classico e due lauree in economia, ora lavora con numeri e bilanci presso una società di servizi. Nel (poco) tempo libero segue con passione la politica e la finanza e non manca al suo inderogabile appuntamento con i nuovi film al cinema (almeno) due volte a settimana. E' giornalista pubblicista iscritto all'ordine dei giornalisti del Veneto.