Politica a Sona: “E’ tempo di muoversi”

Un altro lettore interviene sulla vicenda dei furti in via Deledda a Sona, ampliando il ragionamento alle questioni di fondo dei rapporti tra politica e partecipazione dei cittadini.

Un intervento su cui riflettere, e sul quale sarebbe interessante pubblicare l’opinione ed il parere degli esponenti della politica locale.

 

Troppo spesso le istituzioni chiudono le porte ai cittadini e ai loro problemi, invocando la questione dell’impotenza per l’eterna mancanza di “fondi”.

 

“Non ci sono i soldi” è l’unica risposta che viene data a chi lamenta gravi carenze e difficoltà, dalla sicurezza, alla sanità, all’economia famigliare. Nell’ultimo episodio di furto in via Deledda è giusto ricordare come molti abitanti della zona sono intervenuti immediatamente inseguendo i malviventi, recuperando la refurtiva, arrivando persino al contatto fisico con alcuni di loro.

 

Questo per ricordare ai nostri amministratori che i cittadini non sono soggetti attivi solo durante i periodi elettorali, ma possono diventare una risorsa anche per affrontare i problemi.

 

Il presupposto è che si possa mantenere sempre vivo l’interesse ad una condivisione delle questioni attraverso il confronto, il dialogo, le idee. Purtroppo le tasche vuote hanno svuotato anche ogni attenzione e sensibilità all’ascolto. Speriamo si possa recuperare…

 

Davide Baraldi