E’ morto Attilio Braga di Lugagnano. Fu un Consigliere Comunale generoso ed impegnato

Il 26 marzo è scomparso Attilio Braga, residente a Lugagnano dove si era trasferito nel 1973.

Era stato eletto Consigliere comunale nelle liste del PCI, quale indipendente, per due mandati amministrativi con i Sindaci Renato Salvetti Renato e Giorgio Gatto tra il 1975 ed il 1985.

Il suo interesse per la politica era nato nel periodo del ’68 studentesco che lo aveva portato, come lui ci disse in un’intervista rilasciata al Baco nel 2006, a privilegiare posizioni di contestazione “dura” al  sistema ed a cercare anche nella vita civica un confronto con i singoli, piuttosto che con le Istituzioni ed un lavoro di servizio alla comunità attraverso un’attività capillare di base.

Ci ricordò, a posteriori rispetto al periodo dell’impegno diretto in qualità di amministratore, delle difficoltà incontrate essendo solamente uno dei due rappresentanti del PCI.

La modesta rappresentanza del Partito in Consiglio lo impegnò su molti fronti in un periodo durante il quale vi era “molta carne sul fuoco”, come lui ci ricordò nell’intervista, dal Piano Regolatore, alle molte infrastrutture messe in cantiere, con molto lavoro di commissione, assemblee pubbliche e ripetute riunioni di Consiglio.

Oltre a svolgere l’attività propria di Consigliere si impegnò anche su problemi concreti, come una Scuola serale di recupero della V elementare.

Avendo lavorato per anni con lui sui banchi consiliari ci fa piacere ricordarlo come si proponeva, dentro e fuori dalle sedi istituzionali, generoso nel manifestare senza riserve giudizi e pareri favorevoli o contrari.

I rapporti personali, con chi si trovò ad operare con lui, furono sempre improntati a lealtà e sincera amicizia.

L’amicizia perdurò anche negli anni successivi al termine dell’attività amministrativa. Ai famigliari le più sentite condoglianze.

.