E i badge per entrare nelle piazzole ecologiche?

Lo scorso agosto avevamo segnalato il malumore diffuso che si era creato nelle quattro frazioni del nostro Comune per il considerevole aumento della tariffa rifiuti.

In un momento storico di grande difficoltà per le famiglie una crescita media del 14,5 % delle tariffe per le utenze domestiche (e del 15,5 % per quelle non domestiche) era stato avvertita come un peso eccessivo, che rischiava veramente di minare i già stremati bilanci famigliari.

 

A seguito delle polemiche sorte, dal Comune si era segnalato che uno dei motivi dell’aumento delle tariffe era un diffuso abuso nell’utilizzo delle piazzole ecologiche.

 

Ancora a metà del 2010 il Sindaco Gualtiero Mazzi e l’Assessore Vittorio Caliari avevano assicurato che – proprio per porre un freno a questi abusi – “a brevissimo” sarebbero stati installati presso le piazzole ecologiche dei lettori di badge (come tra l’altro previsto dalla normativa in materia). Badge che poi sarebbero stati consegnati a tutti i cittadini in maniera da monitorare l’utilizzo delle piazzole ed evitare forme di conferimento di rifiuti o inerti non consentite.



Siamo arrivati all’ottobre 2011 e di quei badge nemmeno l’ombra. Speriamo solo che i cittadini e le famiglie di Sona il prossimo non debbano pagare con ulteriori aumenti delle tariffe le conseguenze di questi inspiegabili ritardi. A fronte di precise promesse evidentemente tutte da verificare.