Due giugno, grande musica a Sona

Ascolta questo articolo

Mercoledì 2 giugno l’Amministrazione Comunale ha organizzato in piazza della Vittoria a Sona la celebrazione della Festa della Repubblica con un concerto.

 

Le diciassette parti del concerto sono state eseguite dal corpo bandistico di Sona, dal coro il “Mio Paese” di Sona e dal coro Parrocchiale “S. Anna” di Lugagnano. Novità della serata l’ottimo soprano veronese Francesca Gaiardoni che ha eseguito, accompagnata dai cori e dal corpo bandistico tre brani più uno, a richiesta, in chiusura di serata.

 

Si è trattato di un concerto in buona parte di brani operistici: Nabucco, Ernani, Trovatore, Forza del destino, Aida, oltre ai soliti molto acclamati Inno di Garibaldi, Marcia di Radetzky, Reginella campagnola ed il malinconico canto degli emigranti in viaggio verso le Americhe Trenta giorni. Quest’ultimo brano è stato accompagnato dalle ottime fisarmoniche di Arduini e Tosi. Ha aperto e chiuso la serata il molto applaudito Canto degli Italiani “Fratelli d’Italia”, ascoltato dal pubblico in piedi.

 

Alla Direzione della banda e dei cori, con il sempre bravo Olioso Fabrizio, si sono alternati la flautista del corpo bandistico Sabrina Casagrande, diplomata al Conservatorio e già all’altezza del compito e Filippo Neri, il direttore del coro di Lugagnano, musicista affermato, già professore dell’orchestra areniana.

 

Buoni i commenti storici ai brani eseguiti, presentati ad un pubblico attento e numeroso pur in una serata ventosa, dal portavoce della Banda Purgato.

 

Assordante l’assenza pressoché totale dei Consiglieri comunali di oggi e di ieri – oltre a quella delSindaco – in una serata indicata nel comunicato stampa dell’Assessorato alla Cultura come “manifestazione di apertura delle celebrazioni del 150° anniversario dell’unità d’Italia”.