Ascolta questo articolo

Carissimi Amici lettori del “Baco da seta”,

 

un saluto dall´Ecuador, da P.Vigilio Barbessi, di S. Giorgio In Salici, missionario Salesiano in America Latina dal 1962.

 

Sono stato in Italia 3 mesi, oltre rivedere i miei fratelli e famiglie e tanti amici, per celebrare i 50 anni di vita Salesiana con gli altri compagni Salesiani, alcuni in Italia e altri provenienti dalle missioni, chi dalla Bolivia, il sottoscritto dall`Ecuador, chi dall´Etiopia e Don Romano Venturelli dal Canada. Ci siamo riuniti ad Albaré di Costermano, dove abbiamo fatto il noviziato dal 1957-58, il 16 agosto scorso, giorno della nascita di Don Bosco e anniversario della nostra Prima Professione Religiosa, e abbiamo dato grazie al Signore.


E´stata una esperienza bellissima, ritrovarci dopo quasi 40 anni, già che ci siamo dispersi per il mondo Salesiano quando eravano giovincelli e ci siamo ritrovati nella terza etá, l´età della gioventú accumulata, però sempre con il cuore giovane.

 

Approfitto per dare un grazie di cuore e auguri di un Santo Natale e un anno nuovo, ricco delle benedizioni del Signore a tutta la comunitá di S. Giorgio in Salici, specialmente al Gruppo Missionario, al Sig. Guerrino Bordignon e in modo speciale al Parroco Don Giuseppe. Un grazie grande e tanti auguri di Buon Natale e di Buon Anno pure alla Comunitá Parrocchiale di Castelnuovo del Garda, al Parroco Don Eros e al Gruppo Giovani.

 

Nuovamente sono ritornato nel mia missione parroco di Macas, una parrocchia di piú di 20.000 abitanti in una delle regioni amazzoniche dell’Ecuador. I primi giorni mi sentivo un poco spaesato, ma la domenica celebrando la santa messa agli oltre 800 ragazzi e ragazze del catechismo della nostra parrocchia di Macas, mi sono sentito subito in casa .


Siamo in piene faccende preparando Il Natale anche noi e stiamo preparando il presepio vivente per domenica 21 dicembre, per le vie della cittá di Macas con i ragazzi e ragazze del Catechismo: tutti vanno dipinti in faccia e chi vestiti di pastori, di angeli , come al tempo di Gesú, e alla fine naturalmente aspettano come sempre un piccolo regalo di gallette e caramelle.

 

Grazie alla generositá di tanti benefattori in Italia, questo fará felici tanti bambini e bambine.

 

P.Vigilio Barbessi.