Domenica la prima edizione 2021 del Mercato della Terra di Slow Food a Sommacampagna

L’anno nuovo è iniziato e la prima domenica del mese è già alle porte. Con essa torna il ricorrente Mercato della Terra in piazza della Repubblica a Sommacampagna organizzato da Slow Food Garda Veronese con il sostegno dell’amministrazione comunale di Sommacampagna.

I produttori che aderiscono da tempo ormai a questa iniziativa, domenica 3 gennaio saranno infatti presenti, nel rispetto delle disposizioni previste dal Decreto Natale, come previsto dall’autorizzazione che l’amministrazione comunale di Sommacampagna ha rilasciato in accordo con gli organizzatori.

Il dubbio che questo evento di mercato mensile si potesse fare era stato posto, in particolare per i visitatori che provengono da fuori comune, ma in realtà, trattandosi di una iniziativa classificata come acquisto di prodotti alimentari non disponibili nel proprio comune, di fatto rientra tra le eccezioni consentite.

Come anche per altre eccezioni è chiaramente richiesto avere con sé l’autocertificazione da presentare in caso di controlli lungo il percorso.

Ragionevolmente, garantendo l’assenza di assembramenti, la visita al Mercato della Terra per acquisto di beni alimentari è quindi possibile anche per chi non risiede nel comune di Sommacampagna.

I numerosi visitatori che da tempo ormai non mancano all’appuntamento mensile, potranno quindi rifornirsi di prodotti che ricordiamo sono davvero unici vista la particolare origine che li caratterizza e di cui abbiamo parlato in varie occasioni in passato.

Sono infatti prodotti che provengono da circa quaranta piccole realtà che operano con professionalità ed al tempo stesso con una forte attenzione alla sostenibilità ed alla salvaguardia delle produzioni che hanno radici nella storia del territorio in cui operano.

Per riconoscere e partecipare i produttori ci aspettano quindi domenica 3 gennaio dalle ore 9 alle ore 13 nella piazza principale di Sommacampagna con mascherina, autocertificazione ed attenzione a non formare assembramenti. Cautele da rispettare senza perdere l’occasione di partecipare a questo evento, ne vale la pena.

Articolo precedenteDopo la scoperta di casi positivi, la casa di riposo di Lugagnano scrive ai familiari: “Stiamo gestendo l’emergenza nel migliore dei modi”
Articolo successivoIl libro: “La città dei vivi” di Nicola Lagioia. La banalità del male nell’omicidio di Luca Varani
Nato a Bussolengo il 16 agosto 1964, risiede dall’età di 5 anni a Sona (i primi 5 anni a Lugagnano). Sposato con due figli. Attivo nel mondo del volontariato fin dall’adolescenza, ha fatto anche esperienza di cooperazione sociale. È presidente dell’associazione Cav. Romani, socio Avis dal 1984 e di Pro Loco Sona dal 2012. Fa parte della redazione di Sona del Baco da Seta dal 2002. È tra gli ideatori del progetto Associazioni di Sona in rete attivato nel settembre 2014 e del progetto Giovani ed Associazioni attivato nel 2020.