Domenica appuntamento a Sommacampagna con il Mercato della Terra, tante le novità da non perdere

È dal luglio 2018 che ogni prima domenica del mese il progetto Mercato della Terra esprime la sua anima in piazza della Repubblica a Sommacampagna.

Da allora ogni edizione ha sempre avuto la capacità di aggiungere qualche novità così da rendere ancor più interessante una iniziativa per la quale basterebbe come motivazione la sua finalità principale. Abbiamo già avuto modi di scrivere delle motivazioni che portano il Mercato della Terra ad essere un vero baluardo a difesa dei piccoli produttori che hanno scelto di seguire canoni convenzionali e non quelli dettati dal puro mercato.

Questo è stato uno dei principali elementi ispiratori che hanno portato l’iniziativa a sapersi rinnovare continuamente.

In particolare, nell’edizione prossima di domenica 2 febbraio è in programma il coinvolgimento di tre chef di rilievo: Chiara Bertaiola con il suo ristorante su ruote che preparerà piatti con i prodotti del Mercato; Gaetano Zanella con polenta e renga e Andrea Mantovanelli con un progetto di sensibilizzazione contro lo spreco alimentare, che illustrerà buone pratiche per preparare piatti senza sprechi, gestire l’utilizzo della spesa e usare gli avanzi in cucina.

Inoltre, sarà presente l’Osteria del Mercato, dove si potranno assaporare comodamente seduti i prodotti acquistati in piazza. Quella di domenica sarà inoltre l’ultima occasione per assaggiare e comperare il broccoletto di Custoza, non solo fresco appena colto ma anche fritto, nella sua versione di street food.

Ulteriore elemento di novità sarà la conferenza delle condotte Slow Food del Veneto (riservata ai delegati Slow Food) che si svolgerà presso la Sala Affreschi del Comune di Sommacampagna. Un evento questo dal forte connotato istituzionale.

Continua inoltre l’inserimento di nuovi produttori, grazie alla collaborazione con l’associazione Marchio del Baldo. Già da domenica saranno infatti presenti due piccoli produttori dal Baldo collegati tra di loro: Malga Albarè (frutta e verdura come la patata autoctona varietà antica e erbe officinali) di Ferrara di Monte Baldo e l’Orto Botanico del Monte Baldo (tisane con erbe officinali del Baldo, marmellate con piante selvatiche).

E per finire, ulteriore novità di questa edizione di febbraio sarà l’apertura con la partecipazione del Corpo Bandistico di Sommacampagna.

Enrico Olioso

About Enrico Olioso

Nato a Bussolengo il 16 agosto 1964, risiede dall’età di 5 anni a Sona (i primi 5 anni a Lugagnano). Sposato con due figli. Attivo nel mondo del volontariato fin dall’adolescenza, ha fatto anche esperienza di cooperazione sociale. È presidente dell’associazione Cav. Romani e socio Avis dal 1984. Fa parte della redazione di Sona del Baco da Seta dal 2002. È tra gli ideatori del progetto Associazioni di Sona in rete attivato nel settembre 2014.

Related posts