Domenica a Sona la Giornata nazionale della memoria e del sacrificio degli Alpini, ricordando la battaglia di Nikolajewka

Con la legge n. 44 del 5 maggio 2022 è stata istituita la Giornata nazionale della memoria e del sacrificio degli Alpini, che si celebra il 26 gennaio di ogni anno.

Scopo del provvedimento, come si legge nella norma, è quello di tenere vivo il ricordo della battaglia di Nikolajewka, combattuta dagli alpini il 26 gennaio del 1943 e di promuovere “i valori della difesa della sovranità e dell’interesse nazionale, nonché dell’etica della partecipazione civile, della solidarietà e del volontariato, che gli alpini incarnano”.

Durante la Seconda Guerra Mondiale sul fronte russo le truppe italiane si trovarono improvvisamente circondate e furono costrette a una precipitosa fuga, la battaglia di Nikolajewka, che vede protagonista la divisione Tridentina, fu uno scontro per sfondare l’accerchiamento sovietico predisposto con l’intento di bloccare la ritirata italiana. Una battaglia in ritirata, dove si mescolano disperazione, rabbia e voglia di tornare “a baita”. Il tributo di sangue fu altissimo: All’inizio del ripiegamento le truppe italiane erano composte da circa 61mila uomini. Ritornarono a casa in poco più di 13mila.

A Sona la Giornata si celebra domenica 28 gennaio e vede la collaborazione tra Comune e i Gruppi Alpini di Lugagnano, Palazzolo, San Giorgio in Salici e Sona.

Il programma prevede il ritrovo alle ore 9.45 in Baita a Sona a cui segue la sfilata dalla Baita alla Chiesa parrocchiale alle 10.20. Quindi la messa alle 10.30 e, di seguito, alle 11.30 alzabandiera e onori ai caduti presso il monumento ai caduti. Alle 11.45 sono in programma i saluti ufficiali e, alle 12, la celebrazione della battaglia di Nikolajewka. Dalle 12.15 il rifresco che chiude la giornata.

Giorgia Adami
Nata a Bussolengo il 4 aprile 1994, risiede a Lugagnano. Infermiera di Pronto Soccorso alla Clinica Pederzoli di Peschiera del Garda, collabora con Il Baco da Seta dalla primavera del 2013.