Dalla Valentina: “giuste le critiche sugli impianti di Palazzolo. Ma quanto lavoro sta facendo la Polisportiva?”

Ieri abbiamo pubblicato la lettera di una mamma di Palazzolo che segnalava lo stato di cattiva manutenzione degli impianti sportivi di Palazzolo, frequentatissimi da bambini e giovani.

A stretto giro di posta arriva oggi la risposta dell’Assessore alle manutenzioni del Comune di Sona Gianfranco Dalla Valentina, a cui la lettera era indirizzata, che entra nel merito del problema della stato di conservazione delle infrastrutture sportive di tutto il Comune.

Leggo con interesse quanto apparso sul Baco e nonostante in questo momento mi trovi a più di mille km da Palazzolo – esordisce l’Assessore Dalla Valentina – sento il dovere di fare delle precisazioni in tempi brevissimi.

Nel comune di Sona ci sono ben sei impianti sportivi. Questi impianti avevano convenzioni vecchissime, scadute anche da oltre dieci anni. Al nostro insediamento abbiamo approvato un nuovo regolamento per la gestione degli impianti e abbiamo iniziato l’opera di revisione e controllo degli stessi. La situazione è sicuramente deficitaria – spiega Dalla Valentina frutto di logiche del passato che hanno favorito la crescita di tanti piccoli micro centri, con la conseguente crescita esponenziale dei costi di gestione.

.

Gianfranco Dalla Valentina
L’Assessore alle manutenzioni Gianfranco Dalla Valentina

.

Si pensi che questi impianti, molto spesso giudicati insufficienti, costano al Comune di Sona quasi 300mila euro l’anno. Abbiamo anche iniziato un’opera di razionalizzazione degli impianti, partendo da Lugagnano. Va da sé che prima di chiudere una struttura bisogna averne ampliata un’altra, quindi l’operazione non può essere completata in tempi brevi.

Ad ogni buon conto – prosegue l’Assessore alle manutenzioni – non potendo il Comune gestire in prima persona tutti gli impianti, abbiamo chiesto pubblicamente se c’era qualche associazione disposta a gestire questi impianti, nel pieno rispetto dei regolamenti, accollandosi la manutenzione e compartecipando ai consumi energetici.  Tutto questo senza finalità di lucro. Per gli impianti di Palazzolo, l’unica associazione di volontariato che si è presentata è stata la Polisportiva.

Con questa il Comune ha recentemente sottoscritto una nuova convenzione che regola comportamenti ed utilizzo dell’impianto. La polisportiva è costituita da persone che, come gli altri gestori, mettono il loro tempo a disposizione della collettività per favorire l’attività sportiva dei nostri ragazzi. Possono certamente commettere errori, come ne commettiamo tutti noi. Ma certo non difetta loro la buona volontà. Posso portare degli esempi: giornate intere al quale ha partecipato anche il sottoscritto, dedicate alla pulizia dell’impianto, al piantare nuovi alberi, al tagliar le siepi. Giornate aperte a tutti i genitori, alle quali ben pochi hanno partecipato.

La signora mostra dei muri scrostati dall’umidità, la pavimentazione rovinata, cartacce per terra, un cestino e una sbarra divelti. Sulle problematiche manutentive dell’impianto ricordo quanto detto in premessa – prosegue Dalla Valentina -. Tanti impianti, fatti in modo talvolta anche precario, hanno costi elevatissimi per la collettività, quindi capita che certi interventi, che correttamente la signora segnala, vengano tralasciati per altre priorità. Le cartacce o i danni riguardano però altri aspetti. Sono i nostri ragazzi che rompono le cose, che gettano le carte per terra. Dobbiamo insegnar loro che l’ambiente è di tutti, che gli impianti di Palazzolo sono di tutti, non solo della Polisportiva che si sta impegnando per migliorarli. E uugualmente non si pensi che sono del Comune, perché il Comune siamo tutti noi.

Io sono certo che la Signora che scrive, oltre ad essere molto attenta, è anche una persona intelligente e molto affezionata al territorio in cui vive. Io accolgo le sue critiche signora e cercherò di migliorare, ma allo stesso tempo la invito a trovarci presso gli impianti e a fare un giro assieme per vedere ogni aspetto, positivo e negativo. Sono certo – termina l’Assessore Dalla Valentina – che la sua critica potrà diventare una preziosa risorsa per migliorare assieme questo bel impianto sportivo, magari anche partecipando direttamente alla gestione dello stesso.

Il Baco da Seta nasce nel 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews