Dalla Magnalonga di Lugagnano 2500 euro per SOS, Emporio della Solidarietà e Gruppo del Malato

Ascolta questo articolo

Lo scorso 9 settembre erano stati in ben 450 a partecipare alla quindicesima edizione della Magnalonga di Lugagnano.

Quella di settembre era stata una bella giornata di comunità e di festa, che ha trovato in questi giorni il suo giusto completamento grazie alle importanti finalità sociali a cui le associazioni organizzatrici hanno destinato il ricavato.

Ad organizzare e gestire l’intera manifestazione, che comporta un complesso e lungo lavoro di programmazione che parte addirittura dall’inverno precedente l’evento, erano stati l’Associazione NOI, il Gruppo Carnevale, gli Amici della Corte Messedaglia, l’AVIS, l’Associazione Parco Conti, il Calcio Club Mancalacqua, gli Amici di via Sarca, il Club Enologico, l’Associazione Tennis Lugagnano, il Gruppo Marciatori Rossetto, il Gruppo Tremadirlo, il Gruppo Tempo Libero Anziani, i NAL, gli Alpini, il Gruppo Micologico e il Mancalacqua Project. Con il prezioso supporto del SOS e della Protezione Civile di Sona e Il Baco da Seta come media partner.

La somma raccolta tramite questa edizione della Magnalonga è stata devoluta, nel corso di un sentito ed importante momento formale che si è tenuto lunedì 21 gennaio presso la Baita degli Alpini di Lugagnano, a tre progetti di solidarietà.

Al S.O.S. di Sona, nelle mani del Vicepresidente Alfredo Cottini, sono andati 500 euro per l’insostituibile servizio che da sempre prestano al territorio; altri 500 euro sono andati all’importante iniziativa dell’Emporio della Solidarietà di Lugagnano, aperto lo scorso settembre, ed ulteriori 1500 euro sono stati destinati al prezioso Gruppo del Malato di Lugagnano, nelle mani di Mario Nichele.

“Questo contributo che riusciamo ogni anno a donare in beneficenza a realtà importanti del nostro territorio – spiegano Sonia Cordioli e Roberto Cristini, due vere colonne organizzatrici della Magnalonga – sono dimostrazione concreta di come si possa lavorare assieme tra associazioni per animare la comunità senza perdere di vista l’importanza della condivisione e della solidarietà”.

“Le attestazioni di fiducia e stima per il quotidiano impegno del S.O.S. a favore della comunità sono uno splendido riconoscimento alla nostra attività – indica il Vicepresidente Cottini, a margine dell’evento di lunedì -. Già sul progetto della nuova ambulanza, inaugurata il 2 dicembre scorso, l’apporto di donazioni in denaro da parte di Associazioni e gruppi di volontariato del territorio è stato rilevante. E’ la stessa faccia di una medaglia che si chiama ‘fare rete’”.