Dal Comune di Sona un contributo per la mobilità sostenibile

Nella seduta di Giunta di venerdì 30 ottobre è stata approvata una delibera, che prevede un contributo per l’acquisto di bici elettriche ed auto a gpl, metano, elettriche o ibride. Il relativo bando è chiaramente mirato a favorire lo sviluppo di una mobilità sostenibile.

L’Assessore con delega all’ecologia nonché Vicesindaco Roberto Merzi ci proietta in quella che è stata la ratio che ha mosso l’Amministrazione Mazzi ad adottare questo provvedimento: “Questa iniziativa vuole essere una delle risposte alla necessità di ridurre l’inquinamento prodotto dagli spostamenti con mezzi a motore, anche alla luce delle ordinanze emesse, a carattere regionale, per il contenimento delle polveri sottili”.

“Il bando citato prosegue Merziprevede un contributo del 50% del costo di una bici elettrica, fino ad una massimo di 500 euro, ed uno di 1.000 euro per l’acquisto di un’auto alimentata a gpl, metano oppure elettrica o ibrida; tali contributi sono cumulabili con altri eventualmente erogati da altri enti e sono ottenibili assieme, col limite di una sola volta per nucleo familiare”.

Ovviamente qualsiasi impegno di spesa di un ente pubblico necessita delle adeguate coperture e a tal proposito sempre Merzi ci riferisce che “Il tema dell’ambiente è uno dei punti, assieme ad altri interventi nell’ambito sociale, che questa Amministrazione ha voluto sostenere con gli introiti derivanti dall’utile della società ‘Farmacie Sona srl’, partecipata al 100% del Comune di Sona che gestisce la farmacia presso il Centro Commerciale La Grande Mela, che quest’anno ha versato nelle casse del Comune circa 160mila euro”.

“Approfitto per sottolineare – conclude Merzianche l’iniziativa sulla distribuzione gratuita di giovani piante, pubblicata sul sito istituzionale del Comune, anche questa come misura a carattere ambientale per il contrasto dell’inquinamento, specialmente nelle aree abitate”.

Articolo precedenteCoronavirus: a Sona: sabato 7 novembre sono 146 i positivi complessivi, 32 più di ieri. I ricoverati sono 6
Articolo successivoZone Gialle: Il Governo chiarisce alcuni punti del DPCM del 4 novembre. Ecco tutte le regole
Nato a Verona il 17 novembre 1990, diplomato al Liceo Classico Don Bosco nel 2009, si è laureato in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Verona nel 2016. Già iscritto nel registro dei Praticanti abilitati al patrocinio sostitutivo, attualmente, dopo aver superato l’esame di abilitazione nel novembre 2019, esercita la professione di Avvocato presso il Foro di Verona.