Ascolta questo articolo

Lasciatoci alle spalle senza particolari rimpianti il 2020, proseguiamo anche in questi primi giorni del nuovo anno l’analisi settimanale dell’andamento dell’epidemia nel Comune di Sona.

Come sempre useremo il nostro parametro calcolato come rapporto tra la Popolazione Residente e il numero dei Pazienti Attualmente Positivi al Corona Virus (“AP”) e, come abbiamo illustrato nell’articolo di fine anno, ricordiamo anche oggi che il confronto con i dati dei territori limitrofi e dei Comuni con più di 15.000 abitanti è finalizzato ad una semplificazione della lettura degli indicatori, lungi da noi l’intenzione di formulare previsioni dell’andamento della malattia e, tanto meno, giudizi di merito.

Per non alterare nella sostanza il dato del parametro che calcoliamo, useremo anche nel 2021 la stessa tabella ISTAT dalla quale abbiamo ricavato il numero dei residenti e che abbiamo utilizzato fino ad oggi; non che il parametro cambi di molto ma, se vogliamo dare continuità alla lettura dell’indicatore, dobbiamo mantenere fermo tale valore.

Se dovessimo leggere questo parametro con riferimento all’insieme dei Comuni che teniamo in considerazione, dovremmo affermare che, seppur leggerissimamente, l’epidemia sta lentamente diminuendo.

Ma vediamo nel dettaglio cosa è successo in questo ultimo periodo partendo, come al solito, dai dati in “valore assoluto” che ci sono stati forniti dalle autorità competenti.

Una volta rapportati alla popolazione residente, notiamo che le linee dell’epidemia per Sona e per i Comuni limitrofi corrono, praticamente parallele.

In questa tabella spicca la posizione del Comune di Verona che evidenzia un rapporto medio di una persona “AP” ogni 115,6 residenti

La linea di Sona, purtroppo, questa settimana corre sotto la linea delle medie di riferimento (sia quella della media provinciale che quella della media calcolata solo con riferimento ai Comuni presi in esame); va detto però, che corrono sotto la linea delle medie le linee di tutti i Comuni, solo a Verona vediamo che l’epidemia corre meno che negli altri territori.

Per vedere le linee “muoversi” (o per meglio dire, per fornire una fotografia meno sbiadita dell’andamento dell’epidemia nei diversi territori) è necessario produrre un ulteriore grafico che prende in considerazione l’andamento “medio” dell’epidemia degli ultimi otto giorni.

Se consideriamo la media degli ultimi otto giorni, il grafico ci dice che a Sona l’epidemia sta ancora interessando un abitante (“AP”) ogni 81,27 persone, lo stesso valore di Castelnuovo del Garda, e praticamente in linea con i valori di tutti gli altri comuni ad esclusione del Comune di Verona.

Quando proviamo a verificare l’andamento dell’epidemia con riferimento ai Comuni con più di 15.000 abitanti, otteniamo la seguente tabella di riferimento.

E il conseguente grafico che la illustra:

Se escludiamo il Comune di Verona di cui abbiamo già detto, uno dei Comuni dove, in quest’ultimo periodo la situazione è significativamente migliorata è senz’altro Zevio, ma dobbiamo considerare che a Zevio la situazione era già migliore rispetto ad altre realtà territoriali. I Comuni dove, rispetto a una settimana fa la situazione sembra essere migliorata considerevolmente sono sicuramente San Bonifacio e Cerea; Sona, purtroppo, è uno dei cinque Comuni in cui il rapporto “PR”/”AP” diminuisce.

In ogni caso, dei quattordici Comuni presi a campione per questa indagine, sei presentano una situazione migliore rispetto alla media, gli altri otto, compreso Sona, si situano tutti sotto la media,

Se diamo uno sguardo alle linee della media provinciale, del Comune di Verona e di Sona, invece, possiamo ricostruire la seguente tabella e il conseguente grafico che la chiarisce.

Dopo alcuni giorni in cui a Sona il rapporto tra “PR” e “AP” si manteneva fra le due linee di riferimento, oggi la situazione è cambiata e la tabella aggiornata ci dice che nel nostro territorio contiamo un “Attualmente Positivo” ogni 77 abitanti circa quando, la media provinciale è di un “Attualmente Positivo” ogni 97 abitanti circa.

Riprendendo una formula utilizzata anche nei nostri report giornalieri, proviamo ora a vedere come è cambiato il rapporto fra Popolazione Residente e persone “Attualmente Positive” nel tempo. Ricordiamo che il numero degli Attualmente Positivi è dato dalla differenza fra il numero dei soggetti che sono risultati positivi al corona virus, al netto di coloro che sono guariti e dei deceduti. Inoltre, per cercare di dare una visione meno frammentata dell’andamento dell’epidemia, cerchiamo di calcolare una “Media Mobile Settimanale (“MMS”)”.

Questo valore è calcolato sommando il numero degli attualmente positivi con intervalli di sette giorni e dividendo il valore ottenuto, appunto, per 7.

Come si può vedere dalle curve di Sona e dei dati provinciali, le due linee non sono coincidenti; mentre la linea di Sona, in questi ultimi giorni, tende a salire (in questo caso, trattandosi di grafici formati con i valori che ci sono stati mandati senza aver eseguito alcun rapporto con la popolazione residente, la linea che sale indica un aggravamento dell’epidemia), la curva dei dati provinciali tende a diminuire. Speriamo che questo torni ad essere vero anche per il nostro Comune.