Cosa andremo a votare? Qualche indicazione su cosa significa scegliere un sindaco

Ascolta questo articolo

Nei Comuni come il nostro con meno di 15.000 abitanti si vota con il sistema maggioritario a un solo turno nel quale l’elezione dei Consiglieri avviene contestualmente a quella del Sindaco. In realtà Sona avrebbe superato – anche se di poco – i 15.000 abitanti, ma tale modifica deve essere certificata dall’ISTAT prima di poter diventare applicabile ai fini elettorali.

Ogni candidato Sindaco è collegato ad una lista di candidati alla carica di Consiglieri. Questo sistema elettorale implica in pratica che non si possa esprimere un voto disgiunto tra Sindaco e lista collegata, il che significa che dando la preferenza ad un candidato Sindaco, la si dà automaticamente anche alla lista che lo sostiene.

Ovviamente vale anche l’inverso, per cui votare per una determinata lista implica in automatico esprimere la propria preferenza anche per il candidato Sindaco appoggiato da quella lista. Importante ricordare che votare solo il candidato alla carica di Consigliere comporta, come conseguenza automatica, che si intendono votati, oltre al Consigliere indicato, anche la lista alla quale appartiene e il candidato Sindaco collegato a quella lista.

Viene proclamato Sindaco il candidato che abbia ottenuto il maggior numero di voti, il ballottaggio è previsto solo nel caso, assolutamente improbabile, che più candidati abbiano ottenuto lo stesso numero di voti. La lista collegata al proclamato Sindaco conquista i due terzi dei seggi in Consiglio, indipendentemente dai voti ottenuti. I restanti seggi vengono ripartiti proporzionalmente fra le altre liste. Va segnalato che la legge 120/1999 ha introdotto una nuova soglia di sbarramento per la quale non sono ammessi all’assegnazione dei seggi le liste che hanno ottenuto meno del 3 % dei voti validi. Il primo seggio attribuito a ciascuna lista di minoranza viene attribuito al candidato non eletto alla carica di Sindaco, mentre gli altri Consiglieri comunali vengono eletti in base al numero di voti personalmente ottenuti.

Il Consiglio Comunale è composto dal Sindaco e da venti membri, resta in carica per cinque anni ed ha sostanzialmente funzioni di indirizzo e controllo politico-amministrativo. Vero organo di governo del Comune è la Giunta, composta dal Sindaco e dal numero di Assessori previsto dallo Statuto Comunale, e che a Sona è pari a sei. Va segnalato come la bozza di nuovo Statuto – che l’Amministrazione in carica non è stata in grado in cinque anni di portare in votazione – prevedeva l’aumento a sette dei membri di Giunta. I componenti della Giunta vengono nominati dal Sindaco. Contestualmente, e tra gli stessi Assessori, il Sindaco nomina un vice Sindaco. Lo Statuto del Comune di Sona prevede che possano essere nominati un massimo di tre Assessori scelti tra cittadini non eletti in Consiglio. Anche gli Assessori restano in carica cinque anni e possono essere rimossi dal Sindaco con assoluta discrezionalità, al punto che, come stabilito dal Consiglio di Stato, non è nemmeno necessario fornire una motivazione all’atto di rimozione. Discrezionalità giustificata dal rapporto fiduciario che lega il Sindaco alla sua Giunta.

Il Sindaco è un organo monocratico del Comune, e ha la duplice veste di Capo dell’amministrazione comunale e ufficiale del Governo, in quanto organo periferico dell’amministrazione statale. Dura in carica cinque anni e non è immediatamente rieleggibile dopo due mandati consecutivi, tranne nel caso che uno dei due mandati precedenti abbia avuto durata inferiore ai due anni, sei mesi ed un giorno, per una causa diversa dalle dimissioni volontarie.

Al Sindaco spetta: rappresentare l’ente, convocare e presiedere la Giunta ed il Consiglio, sovrintendere al funzionamento dei servizi e degli uffici e nominarne i responsabili, comminare le sanzioni amministrative per la trasgressione dei regolamenti comunali, adottare ordinanze. E’ inoltre competente in materia di stato civile, di anagrafe, di servizi elettorali, di statistica (operazione di censimento), di ordine pubblico e di pubblica sicurezza.