Coronavirus: tutti negativi i tamponi fatti agli ospiti della casa di riposo di Lugagnano

Già abbiamo raccontato di come la casa di riposo di Lugagnano Papa Giovanni Paolo II (nella foto di archivio, durante un concerto del coro degli Alpini di Lugagnano) rappresenti, nel corso di questa tempesta sanitaria, veramente un’isola felice soprattutto nel panorama complicato delle residenze sanitarie per anziani in Italia.

A Lugagnano nelle scorse settimane non è stato registrato, infatti, nessun caso di malato di coronavirus né tra gli ospiti né tra il personale, grazie – come ci aveva spiegato la coordinatrice della struttura Laura Ceresini, alla tempestiva decisione della direzione e del Sindaco di Sona di chiudere tutto ancora il 6 marzo, quando si è capito che il coronavirus poteva essere implacabile soprattutto con gli anziani. Da allora, gli unici a poter entrare sono stati i dipendenti, sottoposti quotidianamente al monitoraggio delle condizioni di salute.

E proprio nei giorni nei quali da altre case di riposo della provincia la cronaca riporta di numeri di contagi purtroppo altissimi, la novità che emerge da Lugagnano è che negli scorsi giorni è stato effettuato il tampone a tutti gli ospiti e a tutti i dipendenti. E per tutti il tampone è risultato negativo.

Si conferma quindi il persistere di una situazione ideale per la tutela della salute dei nostri nonni, e di coloro che con estrema professionalità, passione ed impegno li stanno seguendo, accudendo, accompagnando.

Trovate tutte le notizie aggiornate e verificate sulla situazione del coronavirus nel Comune di Sona nella sezione speciale del sito del Baco.