Coronavirus: Per il Gruppo AVIS di Lugagnano più donazioni dello scorso anno, nonostante Covid-19

Ascolta questo articolo

La prima metà del 2020, caratterizzata anche a Sona dall’emergenza Covid-19 con tutto ciò che ha significato di pesante nella vita di tutti, è passata.

Ancora una volta, e pure in questa durissima prova, i Donatori del gruppo Avis Lugagnano hanno dato dimostrazione della loro grande generosità.

Dopo una leggera (e ovvia) flessione delle donazioni nel periodo della massima diffusione del contagio, in giugno ben 77 donatori si sono recati ai centri trasfusionali per la donazione di sangue e plasma.

Dall’inizio del 2020 il Gruppo di Lugagnano conta 320 donazioni contro le 305 nello stesso periodo nello scorso anno. E tutto questo nonostante le grandi paure per il contagio.

“E’ un ottimo risultato – spiega al Baco il Presidente Fiorenzo Danieli (nella foto Pachera) – che dimostra la sensibilità dei nostri Donatori che in una fase così critica sotto l’aspetto sociale ed economico non hanno fatto mancare il loro prezioso gesto di solidarietà verso i malati. In attesa di poterci nuovamente incontrare quando le condizioni lo permetteranno, a nome anche del Direttivo ringrazio di cuore tutti i Donatori con l’invito a non abbassare mai la guardia”.

Non perdete il numero speciale del Baco tutto dedicato ai durissimi mesi del COVID-19 a Sona, con inchieste, approfondimenti, interviste e tantissime foto. In edicola e nei punti di distribuzione.

Trovate tutte le notizie aggiornate e verificate sulla situazione del coronavirus nel Comune di Sona nella sezione speciale del sito del Baco.