Coronavirus. Le maestre di Lugagnano e quella lettera ai piccoli studenti: “Carissimi bambini, quanto ci mancate”

In questi giorni nei quali i provvedimenti per il contenimento del COVID-19 raggiungono il culmine, con il nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che blinda anche Sona, alcune maestre delle scuole elementari di Lugagnano hanno preso carta e penna e hanno scritto ai loro piccoli studenti, per rincuorarli e tranquillizzarli.

La bellissima lettera è stata lasciata nei libri che i genitori sono andati a ritirare a scuola.

“Carissimi bambini – scrivono le maestre – non potete immaginare quanto ci mancate. Tutte noi vorremmo che le cose tornassero alla normalità il più in fretta possibile, ma ogni giorno ci dicono che la normalità è sempre un po’ più in là”

“Noi però non ci spaventiamo e cerchiamo di sentirvi vicini in ogni momento, anche semplicemente dandovi dei compiti perché vogliamo che diventiate adulti sapienti e che amano conoscere le cose che ci stanno attorno e vogliamo farvi sapere che siete sempre nei nostri pensieri”.

“Forse voi siete un pochino felici di non dover venire a scuola – continuano le maestre – ma siamo convinte che siete anche un po’ tristi nel non vedervi e non poter fare le cose di sempre”.

“Siamo sicure che questo virus dispettoso e capriccioso non potrà rovinare le amicizie che avete costruito, né la vostra voglia di imparare. Non abbiate paura di questa super-influenza… ai bambini non fa troppo male e poi voi siete FORTISSIMI!!!. Sperando di potervi riabbracciare presto dal vivo, intanto vi abbracciamo col cuore e col pensiero”.

Firmato, “Le vostre maestre”, con tutti i nomi.

Una lettera che rappresenta una bellissima iniziativa, per venire incontro ai timori dei più piccoli e per far sentire la vicinanza delle loro maestre in giorni sicuramente di grande disorientamento anche per i bambini. E che certifica come abbiamo necessità assoluta di essere sempre più una comunità solidale e attenta soprattutto ai più deboli e fragili.

Trovate tutte le notizie aggiornate e verificate sulla situazione del coronavirus nel Comune di Sona sulla sezione speciale del sito del Baco.

Francesca Tenerelli
Nata il 29 gennaio del 1976, parte attiva da sempre nella comunità di Lugagnano, con una breve interruzione per trasferimento a Decimomannu vicino a Cagliari. Ha conseguito la maturità scientifica presso il liceo Galileo Galilei a Verona e attualmente è impiegata in un’Agenzia di Assicurazioni. Sposata e madre di due figli, trova sempre il tempo per dedicarsi alla sua passione, la lettura.