Coronavirus a Sona: sospesi i mercati all’aperto di Lugagnano e Palazzolo

Ascolta questo articolo

Arriva in queste ore un nuovo provvedimento finalizzato al contenimento della diffusione del coronavirus sul territorio del Comune di Sona.

Il Prefetto di Verona ha inviato una comunicazione ai Sindaci del territorio per indicare che, alla luce delle interpretazioni fomite dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’attività dei mercati all’aperto è consentita, nei giorni festivi e prefestivi, solo a condizione che siano recintati e sia previsto un controllo all’accesso.

“Nelle altre giornate – prosegue il Prefetto -, resta fermo il principio cardine di tutto il D.P.C.M. 9 marzo 2020 di poter garantire nelle attività commerciali il rispetto della regola del distanziamento interpersonale e del divieto di assembramento”.

Non appare quindi conciliabile, scrive sempre il Prefetto, “lo svolgimento di mercati settimanali plurimerceologici che richiamino un flusso considerevole di persone. Per quanto riguarda i mercatini rionali di prodotti alimentari, andrà valutato attentamente caso per caso il contesto urbano in cui sono collocati”.

Preso atto di quanto indicato dal Prefetto di Verona, e non potendo realizzare un’apposita recinzione, il Sindaco di Sona Gianluigi Mazzi ha immediatamente dato disposizione che fino al 3 aprile siano sospesi più i mercati settimanali di Lugagnano e Palazzolo.

Trovate tutte le notizie aggiornate e verificate sulla situazione del coronavirus nel Comune di Sona sulla sezione speciale del sito del Baco.