Coronavirus a Sona: mascherine con il volto di Mussolini prodotte a San Giorgio in Salici

In queste ore un’immagine sta rimbalzando ovunque sui social ed è finita pure sui giornali nazionali e sull’agenzia di stampa ANSA: quella delle mascherine contro il coronavirus con il volto di Benito Mussolini e il motto “Camminare, costruire e, se necessario, combattere e vincere!”.

A produrle e a metterle in commercio un’azienda del territorio di Sona, di San Giorgio in Salici. Sulla mascherina, grigia con elastico nero, da una parte il volto del duce e dall’altra lo slogan.

Altri prodotti simili, peraltro, si trovano in vendita online su un sito dedicato al merchandising di estrema destra.

A denunciare l’accaduto è stato il senatore del Partito Democratico Vincenzo D’Arienzo: “Fermare subito il mercato dell’orrore! – scrive sulla sua pagina Facebook – Un’azienda veronese commercializza mascherine con su stampate la faccia di Mussolini. Tra le tante cose che possono capitare in una pandemia, quella di vendere mascherine per la protezione individuale con l’effige del duce fascista è la più sgradevole di tutte. Chi commercializza quel prodotto inneggia al fascismo e ne favorisce l’apologia”.

Sulla vicenda è intervenuto anche l’assessore alla cultura del Comune di Sona Gianmichele Bianco che così ha commentato la vicenda: “Il mio Comune di Sona condanna fermamente l’iniziativa riferita secondo fonti di stampa ad un’azienda del proprio territorio che avrebbe prodotto mascherine protettive raffiguranti immagini del fascismo. Il Sindaco ha voluto confrontarsi con le forze dell’ordine per capire cosa è accaduto che, purtroppo, ci ha portato sulle cronache nazionali. Mai sarà tollerato nel mio Comune alcun rimando a periodi, messaggi, o atteggiamenti che rappresentano il buio dell’Italia, oltre che dell’umanità. Tutto ciò fa da contraltare alla luce che invece è emersa, sempre più brillante, da parte della nostra protezione civile, del nostro volontariato, delle nostre concittadine e dei nostri concittadini che assieme all’Amministrazione hanno visto vivere questo periodo difficile con dignità, rispetto, aiuto reciproco e speranza. Questa è la mia Sona. Questa è la gente che vi abita e agisce. Questo è l’esempio che vogliamo far emergere”.

Trovate tutte le notizie aggiornate e verificate sulla situazione del coronavirus nel Comune di Sona nella sezione speciale del sito del Baco.