Ascolta questo articolo

Il dato Covid di lunedì 14 dicembre per il Comune di Sona riporta che i ricoverati in ospedale sono 5 come ieri. Gli altri positivi sono in isolamento presso il proprio domicilio.

Il saldo dei positivi a Sona registra oggi 201 casi complessivi, ieri erano 197. Ricordiamo che a Sona i residenti sono 17.719. Il saldo dei casi positivi attuale è calcolato tenendo conto del numero dei contagiati, al netto dei guariti e dei deceduti.

Al fine di correggere fattori di disturbo o inesattezze (nel fine settimana vengono effettuati meno test, gli esiti dei tamponi rapidi non viene comunicato con puntualità) graficamente ricorriamo alla media mobile su base settimanale, uno strumento per analizzare le serie storiche.

Analizziamo i dati dei Comuni confinanti. 

  • Bussolengo i ricoverati in ospedale sono 12, ieri erano 13. Gli attualmente positivi sono 220, ieri erano 194.
  • Castelnuovo del Garda i ricoverati in ospedale sono 6, ieri erano 5. Gli attualmente positivi sono 171, ieri erano 168.
  • Pescantina i ricoverati in ospedale sono 14, ieri erano 13. Gli attualmente positivi sono 197, ieri erano 196.
  • Sommacampagna i ricoverati in ospedale sono 7 come ieri. Gli attualmente positivi sono 198, ieri erano 181.
  • Valeggio sul Mincio i ricoverati in ospedale sono 6 come ieri. Gli attualmente positivi sono 152, ieri erano 148.
  • Verona città i ricoverati in ospedale sono 111, ieri erano 116. Gli attualmente positivi sono 2.706, ieri erano 2.628.

Nel veronese da ieri sera i nuovi casi positivi sono 253. I decessi sono due ed i guariti sono 71. I ricoveri in area non critica sono 640, uno in più di ieri, e quelli in terapia intensiva 89, anche qui uno in più di ieri.

Elaborazione per Il Baco da Seta dell’Ing. Marco Spazzini.

Nella conferenza stampa odierna il Presidente del Veneto Zaia ha spiegato che “la partita degli assembramenti è la vera partita. La stragrande maggioranza dei veneti rispetta le regole, nei propri interessi, non per fare un piacere a me. Lo spettacolo immondo degli assembramenti che è accaduto anche nel Veneto è indescrivibile: le foto dei serpentoni ad Asiago alle città letteralmente prese d’assalto. Quando il Sindaco di Treviso si vede costretto a chiudere la città, perché ci sono almeno 50mila persone, capite che è difficile vincere la battaglia se non c’è la collaborazione dei cittadini”.

“Oggi incontrerò i Sindaci, sentirò cosa propongono di fare, qualcosa dovremo fare, ma è una sconfitta – ha proseguito Zaia -. Mi dà sempre più impressione che una parte della popolazione deleghi alle istituzioni la responsabilità del Covid, ma la linea del contagio riporta invece ai comportamenti individuali. Immonda e vomitevole anche la convinzione per cui questo sia il virus dei vecchi e ‘che se la vedano loro’. Tra martedì e mercoledì faremo quindi una nuova ordinanza. Ho il timore che per colpa di alcuni tutti finiranno per passare il Natale davvero in famiglia, ma la propria e basta, non con i parenti, perché ci avviciniamo al semi lockdown o lockdown”.

Trovate tutte le notizie aggiornate e verificate sulla situazione della pandemia Covid nel Comune di Sona nella sezione speciale del sito del Baco.