Coronavirus a Sona. Il Sindaco Mazzi chiude l’anagrafe di Lugagnano. E ribadisce: “State a casa”

Con un provvedimento di ieri, sulla scorta di quanto previsto dai decreti per il contenimento del contagio da coronavirus il Sindaco di Sona Mazzi ha deciso di chiudere fino al 4 aprile l’ufficio anagrafe di Lugagnano.

“Ci dispiace chiudere lo sportello di Lugagnano – spiega Mazzi al Baco – ma la non applicazione della distanza del metro, la disposizione della postazione e la mancanza di una protezione espone in modo importante l’operatore comunale. Invitiamo quindi tutti a rivolgersi presso lo sportello di Sona, più strutturato per rispettare i protocolli di protezione al coronavirus”.

“Colgo l’occasione per comunicare alla cittadinanza che andare allo sportello anagrafe per pratiche o richieste non urgenti e gestibili anche più avanti nel tempo è severamente vietato in questo momento di blocco. Si può uscire solo per specificata ed effettiva necessità!”.

“E’ fondamentale stare a casa, ripeto, stare a casa. Faccio presente che ieri mattina vi era la coda fuori dallo sportello di Lugagnano con gente che veniva a chiedere la scheda elettorale, anche se le elezioni sono state rinviate, o che chiedeva il rinnovo della carta d’identità che scade fra tre mesi. Questo perché – conclude il Sindaco di Sona, anche alla luce del nuovo decreto del Presidente del Consiglio di ieri – forse qualcuno essendo a casa dal lavoro ha pensato, sbagliando, di sbrigare qualche faccenda. Restare a casa significa anche non andare in anagrafe! Ripeto: state a casa. State a casa”.

Trovate tutte le notizie aggiornate e verificate sulla situazione del coronavirus nel Comune di Sona sulla sezione speciale del sito del Baco.

La Redazione
Il Baco da Seta nasce nel 2000. Nel 2007 sbarca on line con il sito allnews