Cordioli, candidato Noi Veronesi al Centro in Provincia

Abbiamo rivolto tramite il nostro sito sette domande a tutti i candidati alle prossime elezioni provinciali. In questo intervento a rispondere è Cordioli Enrico (nella foto).

 

1) Nome, cognome e data di nascita
Cordioli Enrico, nato il 17 settembre 1980, 28 anni compiuti.

 

2) Si presenti ai lettori
Abito a Lugagnano da quando sono nato e dove sono cresciuto secondo i valori della mia famiglia. Ex-allievo del Don Bosco, laureato in Economia, impiegato nel settore bancario, pronto a mettermi in gioco e a disposizione della mia comunità e dei miei concittadini, ma soprattutto dei miei coetanei e al servizio dei bisogni e delle difficoltà altrui. Intento che quotidianamente vivo in famiglia e all’interno dei gruppi associativi e dei giovani dei quali faccio parte.

 

3) Per quale lista si candida?
Sono candidato nella “Lista civica del Presidente Mario Rossi Noi Veronesi al Centro”

 

4) Quali sono gli obbiettivi della lista per la provincia di Verona?
L’obbiettivo, oltre a quelli programmatici, è quello di riavvicinare i cittadini alla politica, il mio slogan è “anch’io posso fare e essere”. Si tratta di una lista civica costituita da persone di varia “estrazione” accomunate dall’intento di fare una politica fra la gente e per la gente e non tanto una politica di interessi, privilegiando il dialogo con i cittadini per raccogliere anche le più piccole speranze e attese e dar vita così a progetti partecipi e condivisi.

 

5) La sua lista di appartenenza ha obbiettivi o proposte che riguardano il Comune di Sona?
Il collegio n. 17 di Sona e Sommacampagna per il quale sono candidato è interessato dal programma del Presidente Mario Rossi; particolare importanza rivestono le tematiche delle politiche sociali e della famiglia, dell’ambiente e della viabilità.

 

6) Qual è il suo bilancio sulla scorsa giunta provinciale?
E’ la mia prima esperienza politica diretta in ambito provinciale. Ritengo che il bilancio dell’amministrazione provinciale uscente sia stato positivo ma un po’distante dai veronesi.

 

7) Perché un cittadino del Comune di Sona dovrebbe votarla?
Semplice. Sono giovane, intraprendente, volenteroso e determinato. Sì, per la prima volta ho deciso di scendere in campo in una competizione elettorale. Gli amici della “Lista civica del Presidente Mario Rossi Noi Veronesi al Centro” mi hanno chiesto la disponibilità per le elezioni provinciali, io ho accettato molto volentieri. Con grande umiltà, ma anche con la consapevolezza di avere entusiasmo, passione, spirito di servizio, voglia di impegnarmi per la comunità in cui vivo. Sono questi, del resto, i valori in cui credo e che ho sempre vissuto fino ad oggi. Questi sono i “paletti” entro i quali ha sempre cercato di muoversi anche mio papà, Vanni, che è stato assessore ai servizi sociali del Comune di Sona, nelle file del Maestrale. Queste sono le linee che vorrei seguire se gli elettori mi daranno fiducia e metteranno una crocetta sul mio nome. C’è bisogno di tutto questo, così come c’è bisogno di coerenza, non solo in politica, ma soprattutto in politica. Già, la coerenza, questa sconosciuta. Ogni volta la stessa storia. Nomi che saltano di qua e di là, che cambiano squadra e bandiera a ogni tornata elettorale. E la gente perde fiducia, nella politica e nelle istituzioni. Io non posso promettere niente di più della coerenza. Dell’impegno. Della partecipazione. Grazie per l’attenzione e per la fiducia che mi darete.