“Chiudi il rubinetto! Anzi, riaprilo”. Una lettera

Ascolta questo articolo

Spett.le Redazione de
IL BACO DA SETA
posta@ilbacodaseta.org

 

Chiudi subito il rubinetto! Anzi no, puoi riaprirlo. Vuoi prima la cattiva notizia o la buona? Quante volte ci siamo sentiti fare questa simpatica domanda da un milione di dollari?! A me non è mai piaciuta, oggi comunque me la sono trovata davanti prepotente e sfacciata come un disastro ecologico.

 

La Cattiva Notizia è arrivata per prima in ordine di tempo: la mia simpatica vicina di casa mi comunica che l’acqua del rubinetto non si può bere, non ci si può lavare i denti, non la si può usare per cucinare! E chi lo sapeva?! Mi collego ad internet e sul sito del Baco da Seta trovo in effetti la segnalazione dell’ordinanza del Sindaco riferita alla questione in argomento!

 

Sgomento, Stupore, Rabbia, Preoccupazione. L’acqua del rubinetto l’ho usata normalmente ignara di tutto, io e tutta la mia famigliola. All’Ufficio Ecologia del Comune di Sona dove ho telefonato per rappresentare l’insieme dei mie sentimenti del momento mi è stata data la Buona Notizia: il problema è risolto! Non credo proprio che sia così. Il problema c’è ed è il problema di come viene gestita la cosa.

 

Grazie, mille volte grazie.

Un suddito devoto.

 

Nicoletta Spataro,

Lugagnano di Sona