Chiude l’ufficio dell’Agenzia delle Entrate. E il Consigliere Moletta scrive al Ministro

Ascolta questo articolo

Dal prossimo primo ottobre verrà chiuso l’ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate di Verona 1, sede staccata di Villafranca. Si prevede già che tale chiusura produrrà grossi disguidi per i cittadini di Villafranca ma anche quelli che risiedono nei Comuni limitrofi, tra cui anche Sona, che d’ora in avanti per le loro pratiche si dovranno necessariamente recare a Verona, a Soave, a Legnago o a Caprino Veronese.

 

Per scongiurare questa scelta il Consigliere Comunale della Lista Tosi per Sona Maurizio Moletta (nella foto), che è anche Vicepresidente del Consiglio Comunale di Sona, ha preso carta e penna e ha scritto direttamente al Ministro dell’economia Pier Carlo Padoan.

 

“Questa mattina – ha scritto Moletta al Ministro – mi sono recato presso l’ufficio periferico dell’Agenzia delle Entrate di Verona 1 sito in Villafranca di Verona ed il funzionario presente ha riferito agli utenti, già più di 10 persone alle ore 8, che l’ufficio chiuderà il 30 settembre prossimo, e che i vari utenti si dovranno recare presso altri uffici”.

 

“Le motivazioni che hanno indotto l’Amministrazione a chiudere questo ufficio non ci sono note – spiega il Consigliere Comunale nella sua lettera – ma dal vociferare sembra che si sia deciso di chiudere l’ufficio per mancanza di redditività. In sostanza sembra che troppe poche persone usufruiscono del servizio”. 

 

“Bene, se questa è la motivazione mi spiace dire che non è plausibile. Questa mattina, ma come altre  mattine, ero davanti all’ufficio già alle ore 6.45 mentre l’orario di apertura è alle ore 8.30. Perchè così in anticipo? Semplicemente perchè è un ufficio efficiente, come pure è efficiente lo stesso funzionario che lo segue, e le persone che lo frequentano sono moltissime, basta guardare il numero di pratiche che vengono smaltite. Constato – prosegue il Vicepresidente del Consiglio Comunale di Sona – che le Istituzioni sono sempre più distanti dal cittadino, e quando un Ufficio Statale funziona realmente viene chiuso. Al contrario questo ufficio doveva essere tenuto aperto ed anzi implementato di personale. Se tagli devono  essere fatti è il caso di rivedere altre situazioni esistenti sul territorio Provinciale. Comunque vada, è una decisione pessima, e vanno i complimenti alla Signora Pasinetti Antonella come ha gestito e portato avanti questo ufficio in questi anni da sola”.

 

Sembra che la lettera del Consigliere Moletta abbia sortito qualche effetto. Se non altro è arrivata una richiesta all’ufficio di Villafranca di rendicontare quale sia effettivamente la mole di lavoro e il numero delle pratiche evase. Che, come spiega Moletta, “sono veramente tante, nonostante l’ufficio sia aperto solo tre giorni alla settimana e vi sia presente solo un’impiegata”.