Il libro: “La versione di Fenoglio” di Gianrico Carofiglio. Una riflessione sul metodo della conoscenza

Chi cerca un giallo o un thriller non lo troverà in questo libro. Carofiglio affronta il tema del metodo investigativo attraverso una trama molto semplice, senza particolari intrighi e colpi di scena. Si tratta prevalentemente di un racconto dialogico, in cui il maresciallo parte dal metodo che un buon investigatore dovrebbe adottare per allargare la prospettiva.

Il libro: “La forma dell’acqua”. Un consiglio per iniziare a leggere Camilleri, nei giorni della sua malattia

La Recensione Da qualche giorno Andrea Camilleri lotta tra la vita e la morte, dopo essere stato colpito da un arresto cardiaco. Nonostante l’età non più verde e la cecità, il Maestro ha continuato a scrivere storie, l’ultima delle quali, “Il cuoco dell’Alcyon”, è attualmente in testa alle classifiche delle vendite, come capita sempre, quando [...]

“Quella metà di noi” di Paola Cereda. Un romanzo amaro ma pieno di struggente poesia

Matilde Mezzalama vive un’esistenza che non fa rumore, almeno in apparenza. E’ una maestra vedova, da poco pensionata, che ricorda senza troppa nostalgia gli anni dell’insegnamento e che vive in un quartiere popolare di Torino, in una palazzina dove ha per vicini degli spiantati. Per problemi economici si trova a dover cercare lavoro; la pensione, purtroppo, non basta. Risponde ad un annuncio e viene scelta come badante di un vecchio e benestante ex ingegnere. Ha una figlia ormai adulta, che evita di andarla a trovare perché  si vergogna del quartiere di periferia in cui vive sua madre. Fa un’eccezione solo quando deve chiederle dei soldi, tanti soldi, rimanendo sconvolta quando Matilde rifiuta di darglieli. Non può perché non li ha. Li aveva ma ora non più.