mercoledì 25 Novembre 2020
Home Il Caleidoscopio

Il Caleidoscopio

In questo spazio Giulia Nicoli si occupa di recensire a tutto tondo manifestazioni ed eventi culturali, spaziando tra le mostre e i vernissage, tra teatro e musica, tra pittura e scultura. Senza tralasciare le nuove tendenze e le contaminazioni culturali che sempre più segnano il panorama anche locale. “Il Caleidoscopio”, ha proprio lo scopo di segnare una rotta: quella di tenere assieme, di montare assieme esperienze culturali del tutto differenti.

Nella stanza centrale del Museo è stata allestita la mostra di Massimiliano Troiani: un fotografo che ha raccolto gli scatti più significativi dei suoi ultimi viaggi, e che con la sua arte si è reso testimone del difficile mondo della malattia e della cura nelle regioni più povere dell’Africa.
Fino al 30 agosto è possibile visitare presso la biblioteca Frinzi a Verona la mostra “Prima della Legge Basaglia – Il Manicomio di Verona attraverso le sue carte”: nel 40° anniversario dalla promulgazione della Legge 180/1978 in tema di "Accertamenti e trattamenti sanitari volontari e obbligatori" l’approfondimento di questo tema delicato, ancora solcato da stereotipi e disinformazione, acquista una valenza anche storica di prim’ordine.
Essere genitori oggi è un compito delicato: il mercato del lavoro detta condizioni che tendono spesso ad allontanare la mamma e il papà dai figli, imponendo contratti e turni che riducono il tempo prezioso da trascorrere insieme.
Maggio è il mese del Festival Biblico, manifestazione eclettica e itinerante ideata da San Paolo Edizioni e promossa dalla Diocesi di Vicenza, che quest’anno tocca tra le altre Verona e provincia.
Sabato 22 dicembre dalle ore 10.30 alle 13 in Piazza XXVI Aprile a Bussolengo sarà attivato un servizio postale temporaneo per lo speciale annullo natalizio a corredo del francobollo disegnato da Bruno Prosdocimi. L'artista sarà presente per la firma.
Stando in silenzio durante le sere di inverno nel Chiostro si possono udire un milione di cose, e ognuna sa essere a suo modo un miracolo di Natale, piccolo ma in grado di fare la differenza, ricordandoci il vero significato di questa Festa: ad esempio lo stupore di ogni singolo bambino, davanti a tanta microscopica meraviglia.
Si è da poco conclusa la seconda edizione del Lake Como Comic Art Festival nella suggestiva cornice di Cernobbio.
Il funzionamento di questa iniziativa è semplice e coraggioso: la richiesta arriva a Phil e viene girata agli amici che vivono nel tormentato entroterra. Si può scegliere la cartolina che si preferisce tra quelle offerte, e il messaggio che vi scriveranno sopra, rigorosamente con inchiostro e penna. Timbuktu dista 800 chilometri da Bamako, la capitale: nelle grandi borse di stoffa fanno capolino le cartoline, che all’inizio venivano sballottate a dorso di mulo o a bordo di piccole jeep da una parte all’altra del Paese, lungo un tragitto accidentato e polveroso. Da quando la guerriglia si è aggravata, viveri e altri beni sono trasportati dai velivoli messi a disposizioni dall’ONU. Il Mali è una ex colonia francese: saranno poi gli aerei dell’Air France e i centri di smistamento postale di Parigi a completare il viaggio delle cartoline, che arriveranno – e arriveranno per davvero! – nelle varie destinazioni del mondo.
Per tutto l’inverno sarà possibile vedere da vicino “cosa” sia Topolino, “come” abbia potuto entrare nelle case e nei cuori di così tante persone, fino a diventare un prodotto riconoscibile da chiunque in ogni parte del globo. Una storia che parte da un’idea semplice, ma che dimostra come la fantasia e la determinazione – unite a un pizzico di fortuna – permettano di raggiungere qualunque obiettivo.
Con occhio rigorosamente libero da pregiudizi, l’arte di Botero è apprezzabile ad ogni livello di lettura: il gusto del bello è appagato dalle tinte vivaci, dalla sensualità delle forme, ma anche dalla staticità fiabesca dei protagonisti, dalla curiosità intellettuale che traspare dalle scelte pittoriche. In più di un’opera si possono apprezzare il rispetto per le sue origini sudamericane e l’omaggio alla classicità dei Maestri che lo hanno preceduto.