Matrimoni a Sona, una lunga storia di cambiamenti sociali e famigliari, tra Chiesa e Comune

Il 29 luglio 1934 il Vescovo di Verona Mons. Girolamo Cardinale effettuò una visita pastorale alla Parrocchia di Palazzolo. In risposta al quesito “Costumi e vizi predominanti, se esistono scandali e cosa si è fatto per toglierli” del questionario che il Parroco Don Pietro Fattori dovette compilare ed inviare in Curia Vescovile, in anticipo sulla visita, scrisse: “vi è una tendenza alla maldicenza e vi è qualche inclinazione alla impudicizia specialmente nella gioventù. Purtroppo esiste in parrocchia un concubinato, una donna non sposata convive con un uomo separato. Il predecessore l’ha richiamata, rimproverata e minacciata senza risultato. Lo scandalo è conosciuto pubblicamente.”

“Non si può morire se non si vive”. Roberto e Orietta e la testimonianza di una fede colma d’amore a cinque anni dalla scomparsa di Alice

Alice, la primogenita volata in cielo cinque anni fa, è costantemente dentro di loro, angelo presente nella quotidianità familiare: Orietta immagina che ora lei sia su un’isola gigantesca, in cui tutti coloro che sono morti per la fibrosi cistica possono correre e fare tutto quello che non hanno potuto fare in vita. E immagina che là Alice sia circondata da bambini, perché è proprio dei più piccoli che lei amava prendersi cura.

Si avvicinano i trent’anni del SOS di Sona. Un sondaggio per la scelta del logo della ricorrenza: votatelo on line

Ecco quindi una nuova proposta grafica per celebrare e ricordare i 30 anni di ininterrotta attività a favore della comunità. L’idea è di proporre più versioni del logo e lasciare alla rete (non solo quella dei soci S.O.S. ma anche quella di amici, conoscenti e cittadini della comunità) la scelta di quale adottare “Il Logo” attraverso una votazione on-line. Un modo per creare attenzione e curiosità verso questa ricorrenza e per dare la possibilità a tutti coloro che a vario titolo sono vicini all’Associazione, di lasciare un proprio segno di vicinanza e affetto. Ed un hastag: #trentannidisos sotto il quale verrà raggruppata tutta la comunicazione del prossimo periodo.

Sostieni l’informazione libera del Baco, il tuo contributo ci permette di continuare a raccontare il nostro territorio

Abbiamo inserito nella home page di questo sito, e lo trovate anche sotto questo articolo, il banner “Sostieni l’informazione libera del Baco”. Cliccandolo, potete effettuare una donazione al Baco in maniera semplicissima, tramite il sistema sicuro di Paypal. Basta poco, le forme di supporto proposte sono tre: 5, 10 o 15 euro. Ma qualsiasi importo è assolutamente ben accetto. Anche un solo euro.