Castelnuovo “Amico della famiglia”

Il Comune veronese si è aggiudicato il primo premio nella sezione dedicata agli enti locali con popolazione sino a 15mila abitanti grazie al «Piano integrato delle politiche familiari» e, precisa la comunicazione ufficiale che porta la firma del sottosegretario senatore Carlo Giovanardi, «per l’attenzione mostrata verso le famiglie e per i segnali concreti di interesse nei loro confronti, meritevoli di essere incoraggiati e diffusi».

 

Il Piano Integrato, dopo essere stato il motivo dell’assegnazione del “Marchio Famiglia” da parte della Regione Veneto, aveva suscitato grande interesse anche a Roma e negli ambienti veramente attenti al ruolo e alle funzioni della Famiglia nella nostra società.

 

Sempre più frequentemente il sindaco Maurizio Bernardi e gli altri amministratori vengono coinvolti quali relatori in convegni e tavole rotonde in diverse regioni italiane per portare l’esperienza castelnovese quale contributo all’innovazione nelle Politiche Familiari.

 

Il Piano Integrato delle Politiche Familiari (P.I.Pol.Fam.) è un piano multisettoriale, composto da oltre 100 progetti il cui diretto o indiretto destinatario è la famiglia, quale cellula fondamentale su cui si fonda la società ed intorno a cui ruota l’intera vita civile e multiculturale moderna. Il piano consiste in un insieme di interventi multidisciplinari che coinvolgono tutti i settori in cui è organizzata l’attività amministrativa comunale ed implica un impegno diretto e concreto da parte di tutti gli assessorati che compongono l’organo esecutivo del comune.

 

Tale filosofia prevede inoltre la sinergia e la collaborazione fattiva dell’intera pubblica amministrazione locale, sia a livello burocratico sia a livello politico ed, in piena attuazione del principio di partecipazione democratica e del principio di sussidiarietà verticale ed orizzontale, e sempre in un’ottica solidaristica di attenzione ai più deboli, prevede il coinvolgimento di altri enti ed istituzioni, delle realtà sociali presenti sul territorio, quali le associazioni, le reti formali ed informali delle famiglie, nonché le famiglie stesse.

 

Con questo Piano integrato l’Amministrazione di Castelnuovo del Garda vuole PORRE AL CENTRO DELL’AZIONE AMMINISTRATIVA LA PERSONA E LA FAMIGLIA. Questo è l’obiettivo primario che dovrebbe sempre guidare ogni singola azione politica ed amministrativa, affinché l’ente locale sia al servizio della famiglia, dando concreta attuazione ai principi costituzionali contenuti negli artt. 29, 30, 31 dedicati alla famiglia così come previsto.

 

 

Articolo precedente3° Marronata a Lugagnano
Articolo successivoIl Baco alla Magnalonga
Enrico Olioso
Nato a Bussolengo il 16 agosto 1964, risiede dall’età di 5 anni a Sona (i primi 5 anni a Lugagnano). Sposato con due figli. Attivo nel mondo del volontariato fin dall’adolescenza, ha fatto anche esperienza di cooperazione sociale. È presidente dell’associazione Cav. Romani, socio Avis dal 1984 e di Pro Loco Sona dal 2012. Fa parte della redazione di Sona del Baco da Seta dal 2002. È tra gli ideatori del progetto Associazioni di Sona in rete attivato nel settembre 2014 e del progetto Giovani ed Associazioni attivato nel 2020.