Bussolengo, “Estate a Villa Spinola”: Lunedì incontro con la scrittrice Paola Barbato

Prosegue all’insegna della qualità culturale a Bussolengo il ricco programma della rassegna “Estate a Villa Spinola”, organizzato dal Comune con la biblioteca comunale Luigi Motta.

Lunedì 25 luglio alle 21 è in calendario un altro appuntamento assolutamente di livello. L’incontro con la scrittrice Paola Barbato, che presenta il suo ultimo libro “La cattiva Strada”, edito da Piemme.

“Sei finito in una cosa troppo grossa e troppo brutta per te, fratello, ma adesso la facciamo passare”. E invece non sarebbe passata. Ora, la strada è tutto ciò che hai. Non avrebbe mai dovuto aprire quella scatola. Lo sapeva, era una delle regole non scritte dell’accordo. Invece quella volta lo aveva fatto. E sarebbe stata la sua condanna. Giosciua Gambelli non ha mai preteso molto dalla vita e la vita lo ha ricambiato allo stesso modo. Ora però, passati i trenta, ha trovato qualcosa in cui è davvero bravo. È un corriere, di che cosa non lo sa esattamente. Non ha nessuna ambizione, nessuna curiosità. Mai una domanda, mai un ritardo. Forse è proprio per questo che lo hanno scelto. Una notte, dopo aver visto ciò che sta trasportando, capisce di essere in trappola e di dover fare qualcosa che non ha mai osato prima: disubbidire. E tutto cambia per sempre.

Prima viene travolto dallo smarrimento, quando pensa a un controllo della polizia. Poi dalla paura, se i mittenti scoprissero che lui ha visto. Da adesso in avanti sarà un testimone. E ha guardato troppi film per non sapere che fine fanno. Ma quando alcuni agghiaccianti indizi gli fanno capire che chi lo ha ingaggiato è lì, vicino, e controlla ogni sua mossa, comprende anche che c’è un’unica cosa da fare: fuggire. E c’è un unico luogo in cui non può accadergli nulla: l’autostrada su cui sta viaggiando e da cui non può più uscire.

Paola Barbato non racconta mai la stessa storia e ogni volta riesce a sorprenderci con la sua capacità di vedere il male nascosto negli anfratti meno inquietanti della nostra quotidianità. Che sia un cellulare, una casa o una strada, la tensione che riesce a trasmetterci cresce a ogni libro. E, proprio per questo, non smetteremmo mai di leggerla.

L’evento si tiene presso Villa Spinola in via Citella 50 ed è libero fino ad esaurimento posti.

Articolo precedenteVIDEO – Siccità: “Irrigazione in enorme difficoltà”. Intervista al direttore del Consorzio di Bonifica Veronese
Articolo successivoDa Ramazzotti ai Pinguini Tattici Nucleari: I tormentoni musicali delle estati più calde della nostra vita
Quando giocava a calcio, faceva correre veloce il pallone, creando spazi dove non c’erano. Oggi, fa correre idee e parole verso mondi dove il senso civico prevale sugli interessi individuali e la convergenza vince sulle polarizzazioni. Umanista, progetta narrazioni d'impresa con una Laurea in Psicologia della Comunicazione. Convinta che le persone possano rendere più bello il mondo, aiuta enti ed aziende a raccontarsi con onestà attraverso progetti di comunicazione.