Bit e Byte timidi in Comune a Sona

Nei giorni scorsi il consigliere Gianmichele Bianco aveva diffidato il Comune in quanto allegati molto importanti ad una delicata delibera non erano scaricabili on line dal sito del Comune stesso, come previsto dalla legge.

 

Il giorno dopo tutto è andato a posto, guarda caso, ma c’è chi sosteneva che fosse un problema del Consigliere, poiché – come recitava un articolo de L’Arena – “in Comune gli allegati si scaricavano”.

 

Abbiamo sentito il consigliere Bianco in proposito. “Ho letto anche io L’Arena e mi sono fatto una precisa idea. La complessità dell’informatica, materia per cui sono responsabile presso l’Ateneo di Verona, è ben nota a tutti. Basta poco e si cade nel tranello. Sul caso in questione – prosegue Bianco – prima della mia diffida ho usato tra sistemi operativi diversi (windows 7, windows XP, Mac OS X) e tre browser diversi (chrome, IE, Safari) ma il risultato era lo stesso. Alcuni file, molto delicati, non venivano visualizzati.”

 

Punto per il quale Bianco ha ritenuto di far partire la diffida.

 

“Il giorno dopo, magicamente, tutto si risolve: la delibera viene ripubblicata e gli allegati pure: tutto apposto, quindi. Ma la motivazione assunta qual era? In Comune, si continua a dire, gli allegati venivano visualizzati. Opero da più di trent’anni nel campo dell’informatica – continua Bianco – ma questa dei bit e byte timidi ad uscire non l’avevo mai sentita. Forse quel giorno avevano freddo e non volevano uscire e scendere la collina o incontrare bit e byte cattivi per la strada. Materia di studio per ricercatori ce n’è. Alla fine, comunque, tutto è bene quel che finisce bene.“

 

Che dire? Cose che accadono negli uffici del Comune di Sona nell’anno 2012.

 

Articolo precedenteSi sceglie lo Tzigano 2012
Articolo successivoC’è vita nel PD di Sona?
Giulio Braggio
Abita a San Giorgio dalla nascita (14 marzo 1960). Sposato con Paola, è attivo da sempre nel mondo del volontariato. Ha fatto anche un’esperienza politica a livello locale come Consigliere comunale dal 1990 al 1998. Da una decina d’anni lavora nel sindacato Cisl. E’ appassionato di fotografia, informatica, automobilismo e amante dei cani. Collabora con il Baco da Seta dal 2002.