Bilancio consolidato del Comune di Sona. Il sindaco: “Va stabilito se Acque Vive va rilanciata o chiusa definitivamente”

Il consiglio comunale, con delibera n. 50 dello scorso 27 settembre, ha approvato all’unanimità, previo parere positivo dell’organo di revisione, il bilancio consolidato del Comune di Sona riferito all’anno 2022.

Il bilancio consolidato, per definizione, è quel documento che rappresenta la consistenza patrimoniale e finanziaria del risultato economico del gruppo di enti che fanno capo all’amministrazione comunale o, più precisamente, di quelli fra cui il Comune detiene una partecipazione considerata rilevante dalla legge.

Il bilancio consolidato, da approvarsi entro il 30 settembre dell’anno successivo a quello di riferimento, si compone del conto economico, dello stato patrimoniale, della relazione sulla gestione – che comprende la nota integrativa – e di quant’altro viene allegato.

Venendo al bilancio consolidato approvato lo scorso 27 settembre, questo ha avuto ad esame oltre al Comune, quale ente capogruppo, le società Acque Vive Servizi e Territorio s.r.l. e Farmacie Sona s.r.l., l’Ato veronese, il Consorzio di Bacino Verona Due del Quadrilatero e il Consiglio di Bacino Verona Nord.

La relazione sulla gestione ci chiarisce che “i risultati riportati dagli schemi dello stato patrimoniale e dal conto economico consolidato del gruppo Comune di Sona”, con un utile d’esercizio pari a 2.400.348,33 euro e un patrimonio netto consolidato pari a 48.694.036,67 euro – di cui 48.394.769,11 euro derivanti dal bilancio del comune e 299.267,56 euro derivanti dai bilanci delle società/enti partecipati – “rappresentano un andamento positivo della gestione”.

La stessa relazione sulla gestione ci segnala che, mentre l’utile di esercizio è diminuito rispetto al risultato consolidato dell’esercizio 2021, “il patrimonio netto ha subito la variazione in aumento per 3.161.487,57” rispetto alla gestione consolidata dell’anno precedente.

Il neo di questo trend resta la società Acque Vive Servizi e Territorio S.r.l., partecipata dal Comune di Sona per il 50% e da quello di Sommacampagna per il restante 50%, per la quale, viste le difficoltà finanziarie, l’amministrazione – rende noto il sindaco di Sona Gianfranco Dalla Valentina (nella foto di Mario Pachera) – “ha dato mandato a uno studio perché stabilisca quali possono essere i tre diversi scenari per il rilancio o la chiusura definitiva”.

Riccardo Montresor
Nato a Verona il 17 novembre 1990, diplomato al Liceo Classico Don Bosco nel 2009, si è laureato in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Verona nel 2016. Già iscritto nel registro dei Praticanti abilitati al patrocinio sostitutivo, attualmente, dopo aver superato l’esame di abilitazione nel novembre 2019, esercita la professione di Avvocato presso il Foro di Verona.