Biblioteca e Sala Lettura di Sona e Lugagnano chiuse fino al 3 dicembre dal nuovo DPCM

Dal 6 novembre al 3 dicembre compreso la Biblioteca di Sona “Pietro Maggi” e la Sala Lettura di Lugagnano sono chiuse al pubblico, ai sensi del DPCM del 3 novembre scorso a seguito del quale il Veneto e Sona sono stati inseriti in zona gialla.

Si tratta purtroppo di un motivo di disagio per gli utenti, molti dei quali speravano che fosse almeno garantito il servizio di prestito e restituzione, pur nel rispetto dei protocolli per il contenimento del contagio.

Bambini, giovani ed anziani sono i principali fruitori della Biblioteca di Sona e della Sala Lettura di Lugagnano ma ora non potranno più accedere al servizio, anche se si ipotizza che il prestito digitale sia ancora possibile.

Sarebbe da valutare per il futuro l’idea di dotarsi di un box per la restituzione dei libri, che renderebbe possibile riconsegnare ogni giorno, 24 ore su 24, libri, cd e DVD presi in prestito. In tempi di Covid-19, ciò permetterebbe tra l’altro la riduzione del contatto personale e il distanziamento sociale, aumentando ulteriormente la sicurezza per utenti e dipendenti della biblioteca.

Altra idea per ovviare alle restrizioni di questo difficile periodo potrebbe essere quella di attivare un servizio a domicilio almeno per chi è in quarantena o anziano, magari affidando il compito a dei volontari.

Ci si augura che sia possibile attivare forme di erogazione del servizio a porte chiuse, nelle forme consentite, per compensare la chiusura. Anche in Veneto musei e mostre, teatri e cinema sono infatti chiusi. Fortunatamente almeno le librerie sono ancora aperte, ma le biblioteche di fatto sono luoghi democratici dove non si deve pagare per avere accesso ad un libro, al sapere, e tutti dovrebbero poterne usufruire, specie in periodi di crisi economica e di isolamento sociale, quando i libri possono rappresentare compagnia, svago, divertimento, relax.

Infatti, e per fortuna, non di solo lievito si dovrebbe nutrire l’uomo.

Chiara Giacomi
Nata a Verona nel 1977, si è diplomata al liceo classico e ha conseguito la laurea in Lettere presso l'Università di Verona. Sposata, con due figli, insegna Lettere presso il Liceo Medi di Villafranca. Lettrice appassionata, coordina il Gruppo Lettura della Biblioteca di Sona.