“Basta maleducazione stradale!”

Una lettrice ci scrive lamentando l’aumento preoccupante della maleducazione sulle nostre strade e nei nostri paesi. Chiedendo maggiore attenzione ai vigili comunali

 
Buongiorno a tutti, è da un po’ che sto notando quanto le persone siano così attente alla PROPRIA comodità a discapito della segnaletica stradale e quindi anche al rispetto per le persone.

 

Martedì mattina visto che pioveva, ma pioveva per tutti, una signora mamma ha ben pensato di fermare la propria auto davanti la porta dell’asilo nido in via Don Giuseppe Fracasso a Lugagnano, l’asilo che è gestito dalle suore per intenderci, in un tratto di strada SEGNALATO con i divieti di accesso e addirittura da una transenna che RI-porta il divieto di accesso. (NdR nella foto il caos dei parcheggi ogni mattina davanti alla scuola materna parrocchiale di Lugagnano). Detta signora, e sono rimasta a guardare per mia mera curiosità, ha lasciato l’auto con i motori accesi per ben 10 minuti finchè entrava e poi usciva dall’asilo.

 

Ieri sera, sempre lì, proprio vicino ai vasi posti all’ingresso dei locali parrocchiali un anziano che voleva fare manovra ha puntato il muso della sua auto a 40cm dalle mie gambe e, siccome lo guardavo sbigottita, mi ha pure fatto segno con le mani di spostarmi così lui ha finito comodamente la sua manovra e si è posteggiato bello comodo davanti l’ingresso per le sue lezioni di canto!

 

Ma è possibile che NON ci sia un minimo di senso civile? Un po’ di controlli? Basterebbero multe e perdita di punti sulla patente per far tornare il buon senso a certi maleducati, quindi mi chiedo DOVE sono i vigili del Comune? Le regole dovrebbero essere per tutti, non per pochi.

 

Veronica