“Ayrton Senna il predestinato”. In più di duecento a Palazzolo per una serata di passione e motori

Una piazza piena di persone e di entusiasmo è quella che mercoledì 30 agosto ha vissuto l’intensa serata “Storie di Motori”, organizzata dall’associazione La Torre e con Il Baco da Seta protagonista sia sul palco che come media partner.

Nella prima parte della serata il vicedirettore del Baco Federica Valbusa ha intervistato Massimo Giacomelli, nostro redattore, che ha raccontato il libro “Go-Kart. Palazzolo una piccola Montecarlo”, da lui scritto qualche anno fa ma che, a causa della pandemia, non si era mai potuto presentare al pubblico. Un prezioso momento di cultura e storia locale molto intenso e divertente, grazie ai tanti aneddoti raccontati da Giacomelli e alle bellissime immagini proiettate, che raccontavano l’incredibile epopea dei go-kart nella frazione.

La serata è proseguita con lo spettacolo live storytelling “Ayrton Senna il predestinato” di Diego Alverà, magnetico narratore di eventi e campioni sportivi, che ha raccontato – con una trama narrativa mozzafiato, avvincente, drammatica e a tratti commovente – l’amato pilota brasiliano, aprendo e chiudendo con il tragico incidente nel quale perse la vita in pista il primo aprile 1994 ad Imola.

Un doppio legame unisce le due storie proposte ai più di duecento spettatori. Senna, infatti, si è fatto conoscere nel motorsport iniziando proprio dai go-kart e diventando un asso in Sudamerica. Traferitosi in Italia gareggiò con i Kart marchiati Dap-Parilla avendo come compagno di squadra Walter Masini, il quale proprio a Palazzolo nel 1981 corse e fu coinvolto in un serio incidente.

Le foto del servizio sono di Mario Pachera.

Erica Ederle
Da quasi 15 anni Lugagnano è per me e la mia famiglia divenuta casa. Sono nata il 6 aprile 1981, mamma pasticciona, mi definisco un’accanita fan della vita. Mi piace modificare la mia prospettiva sul mondo e sulle cose e considero i cambiamenti fonte di potenti opportunità (ovvero adoro mettermi continuamente in discussione).