giovedì 3 Dicembre 2020

social e contatti

Veronica Posenato

Nata nel 1996, risiede a Lugagnano. Diplomata presso il liceo scientifico Messedaglia a Verona nel 2015, si è laureata in infermieristica presso l'Università di Verona nel dicembre 2018. Scrive per il Baco dal 2010, alla ricerca di persone del Comune di cui raccontare le storie, per valorizzare ulteriormente il nostro territorio.
29 ARTICOLI

Estate del Covid, la prima che si chiude senza i fuochi artificiali a Sona

Come tutto ciò che è avvenuto negli ultimi sei mesi, l’assenza delle sagre rimarrà un ricordo forte per la comunità.

Chiara Boscaini di Lugagnano, sul palco di X Factor danzando per un milione di persone

"Ho ballato anche all’esibizione finale di Mika. È stato uno dei momenti topici, anche per la persona con cui mi sono trovata ad interagire sul palco"

Coronavirus: quelle immagini proiettate in Corte Beccarie a Lugagnano e la speranza che risorge

La sera della domenica delle palme qualcuno ha guardato fuori dalla finestra che si affaccia sulla corte e ha notato una luce inusuale

Il mondo di Pietro da Sona: “Il mio percorso tra la Cina, l’architettura, il canottaggio, Renzo Piano ed un futuro aperto”.

Pietro per sei mesi ha anche potuto lavorare fianco a fianco con quello che in Italia, e nel mondo, è forse l’architetto più conosciuto: Renzo Piano.

Il Comune di Sona dedica una via di San Giorgio in Salici a De Andrè. Una scelta che è anche spunto di riflessione

La Giunta sonese ha deliberato che la nuova area di circolazione in corrispondenza della nuova lottizzazione residenziale Chachi tra Via Santini e Via Borsellino a San Giorgio in Salici venga intitolata al cantautore italiano Fabrizio De Andrè. 

Matteo Perin, stilista e artista di Lugagnano… a Los Angeles. Un’incredibile storia che porta fino a John Travolta

“Il rapporto mio e di John Travolta è noto in giro perché è lui stesso a parlarne quando gli viene chiesto cosa indossa".

A Lugagnano abbiamo tutti in casa un’opera di Lorenzo Gasparato, e nemmeno lo sappiamo. Una storia da raccontare

Mi ci sono voluti altri istanti per realizzare che quello che io credevo fosse una stampa era il frutto di un lavoro manuale di un uomo di quasi novant’anni

Mario di Lugagnano, che pedala per finanziare un campo vacanze per bambini affetti da patologie gravi e croniche

A supportare Mazzola ci sono parenti e amici, ma soprattutto i compagni di corse del Ciclo Club di Lugagnano Luigi Tezza.

V per Veronica: Un lutto rende consapevoli di ciò che si ha e che non deve essere sprecato. Una riflessione dopo la tragedia di...

Sebbene sia la tragedia più dura che un uomo possa vivere, un lutto fortifica, rende consapevoli di ciò che si ha e ciò che non deve essere sprecato per niente al mondo. Si smette di interrogarsi, si smette di combattere la morte a tutti i costi, e si vive con una marcia in più, anche con l’aiuto di chi non c’è più, ma che ha comunque lasciato un segno, quasi a ricordare a tutti noi, da morto, come si deve vivere.

V per Veronica. Siamo aerei o stelle cadenti? Il valore della costanza

Nella scuola come nella vita, la costanza non è mai stata il mio forte. Posso nominare decine di interessi che mi hanno stimolato nella vita, ma quelli che ho mantenuto per anni sono meno delle dita di una mano. Mi ci vuole dunque molto impegno per tenere le fila e mantenere sempre vivo l’interesse in ciò che faccio, e soprattutto deve essere uno stimolo molto forte.

V per Veronica: tutti i motivi del mio blog (senza essere un supereroe)

Ho scoperto mio malgrado che la scelta di un nome per un blog è un’impresa assai ardua. È un po’ come creare un abito: deve essere accattivante, deve incuriosire e al contempo trasmettere la sicurezza di chi si espone vestendolo, anche a rischio di ricevere qualche critica. Inoltre, esattamente come un abito, scegliere un nome implica il saperlo portare senza tradire il suo significato implicito, saperne reggere il peso. Fare dunque un gioco di parole? Un riferimento storico? O letterario? Richiamare il proprio nome? E deve essere pertinente con ciò di cui si ha intenzione di parlare? Che poi, di cosa ho intenzione di parlare?

Ma chi è veramente un papà? Tanti auguri a chi è stato ed è ancora presente nelle nostre vite

Chi festeggiano queste persone nella giornata di oggi? Nessuno, apparentemente. A me però piace pensare che festeggeranno la persona presente nella loro vita che meglio reincarna tale descrizione, quella stessa persona che, proprio come San Giuseppe per Gesù, ha rivestito il ruolo di padre, anche se non lo era a tutti gli effetti. Perché per essere un buon padre non conta la genetica, o l’anagrafe, ma la presenza, l’affetto e l’esempio.

Convivenza tra umani e animali a Sona. L’Assessore Cimichella: “E’ tempo di rivedere il regolamento”

Le aree cani già presenti sul territorio sono a norma, con acqua e recinzioni abbastanza alte da non permettere agli animali di uscire da soli, tuttavia insufficienti a coprire la popolazione canina di Sona.