Ascolta questo articolo

Facciamo la conoscenza di Giampietro Costa, artista di Lugagnano. Non siamo di fronte al solito dilettante della domenica, ma ad un professionista di alto livello. Per rendersene conto, basta leggere il seguente curriculum, che ci fa capire come questo valente e poliedrico pittore meriti di essere conosciuto e apprezzato.

 

Diplomatosi al Liceo Artistico di Verona, Giampietro Costa si laurea all’Accademia di Belle Arti di Venezia frequentando il corso di pittura di uno dei grandi maestri del Novecento: Emilio Vedova. Gli interessi di questo periodo si indirizzano verso l’uso artistico dei nuovi media e delle tecniche extra-pittoriche come cinema, fotografia, video-tape. Sperimenta inoltre l’uso degli spray e dell’aerografo, che si rivelerà molto utile in seguito a livello professionale.

 

Dopo l’Accademia, per qualche anno collabora come aiuto scenografo per il cinema e il teatro, insegnando contemporaneamente materie artistiche. Nei primi anni Ottanta inizia l’attività di illustratore iperrealista, dapprima collaborando con numerose agenzie di grafica pubblicitaria, poi aprendo uno studio creativo proprio a Verona. Dalla metà degli anni Ottanta partecipa a importanti mostre collettive di illustrazione, alcune di queste a Milano al Castello Sforzesco, al Palazzo Reale e alla Galleria L’Agrifoglio. Negli anni Novanta, trascorsi a Bologna, continua l’attività di illustratore per l’editoria (libri per ragazzi, illustrazioni per riviste ecc.), ma si occupa anche di fumetto, sua antica passione e, tra le varie collaborazioni in questo settore, disegna quattro numeri di cento pagine ciascuno del personaggio d’avventura Lazarus Ledd edito anche all’estero dalla Star Comics di Perugia.

 

Nel 2002, nell’ambito di una rassegna d’arte patrocinata dal Comune di Verona, tiene una personale antologica che ripercorre vent’anni di attività come illustratore, fumettista e pittore. Nel 2003 è finalista al Premio Arte, promosso dalla più importante e diffusa rivista d’arte italiana, e partecipa alla collettiva al Palazzo della Permanente di Milano. Nel 2010 tiene una personale a Bergamo alla Mazzoleni Art Gallery, con cui collabora in campo artistico in esclusiva, presentando la più recente ricerca pittorica di tendenza Surreal-Pop.

 

Attualmente lavora, nel suo studio di Lugagnano, prevalentemente per l’editoria straniera illustrando libri per ragazzi d’argomento storico scientifico usando tecniche tradizionali e digitali, continuando anche l’attività fumettistica con pubblicazioni per un editore francese.

 

Chi desiderasse ammirare qualcuna delle sue opere può visitare i siti www.giancosta.it, www.saatchionline.com/petrus, www.illustratori.it/GiampietroCosta.