Approvata la trasmissione in streaming dei Consigli Comunali a Sona. E con “Agorà” il cittadino può intervenire

sdr

Durante il Consiglio comunale di mercoledì 6 settembre l’Amministrazione ha approvato all’unanimità dei presenti, davanti ad una sala pressoché deserta di cittadini (come si può vedere nella foto), il nuovo Regolamento del Consiglio comunale e delle Commissioni consiliari.

Tra le principali novità vi è l’art. 37, che permette ai cittadini di intervenire in determinati momenti (e per un tempo contingentato di massimo cinque minuti) durante i Consigli comunali, oggi infatti chi è presente in sala tra il pubblico non ha possibilità di parlare. Agorà è il nome di questa innovazione, unica in tutta la provincia.

Si tratta di un importante obiettivo raggiunto dichiara il Sindaco Gianluigi Mazzi al ConsiglioLa partecipazione pubblica è un aspetto importante e fondamentale. Peccato che un problema è la partecipazione stessa: la nostra comunità è molto attiva, ma su alcune questioni ci si basa unicamente sui Social. L’articolo 37 del nuovo Regolamente permette quindi un’apertura alla cittadinanza con un rispetto dei ruoli e arricchisce il confronto.

Come sottolinea il Segretario generale Giovanni Peruzzi, il nuovo regolamento semplifica anche l’attività di comunicazione, potenziando l’utilizzo della posta elettronica.

Condivido pienamente quanto detto dal Sindaco – asserisce il Consigliere di minoranza della Lista Tosi per Sona Maurizio Moletta – Questo nuovo Regolamento potrebbe rappresentare una svolta per il Consiglio stesso e per tutta l’Amministrazione, a cui vanno i miei complimenti per il lavoro svolto. Peccato che il discorso della partecipazione vale anche per i Consiglieri di minoranza, purtroppo non sempre presenti.

Il Regolamento sarà messo in pratica a partire dal Consiglio del mese di ottobre.

Approvato anche, e pure questa è un’importante novità, il regolamento relativo alle riprese audiovisive del Consiglio Comunale, contenuto nell’art. 60 dello Statuto Comunale, che quindi potranno essere seguite dai cittadini tramite internet come accade in molti Comune a noi vicini e come auspicato dal Baco, eravamo infatti stati noi a lanciare la proposta che fosse ampiamente ora di dotarsi di questo strumento.

La sala dovrà adottare l’apparecchiatura idonea per le trasmissioni via internet, rispettando la privacy del pubblico. spiega infatti il Presidente del consiglio Merzi, come aveva già anticipato al Baco il mese scorso – Il regolamento è standard rispetto a quello adottato da molti altri Comuni. Auspico solo che la cittadinanza assista comunque alle sedute.

Anche il secondo Regolamento è stato approvato all’unanimità dal Consiglio comunale: un bel segnale per la nostra politica locale.

Gianmaria Busatta
Nato nel 1994 e originario di Lugagnano, scrive per il Baco dal 2013. Con l'impronta del liceo classico e due lauree in economia, ora lavora con numeri e bilanci presso una società di servizi. Nel (poco) tempo libero segue con passione la politica e la finanza e non manca al suo inderogabile appuntamento con i nuovi film al cinema (almeno) due volte a settimana. E' giornalista pubblicista iscritto all'ordine dei giornalisti del Veneto.