Annullata la gara

Come un fulmine a ciel sereno è stata depositata lo scorso 20 aprile la sentenza del Tribunale Amministrativo del Veneto, emanata due giorni prima ed inerente la nuova scuola materna di Lugagnano, che “definitivamente pronunciando sul ricorso lo accoglie”.

Il ricorso era quello nato per chiedere l’annullamento del “verbale di gara del 13.2.2012 per l’aggiudicazione dell’appalto per la progettazione e realizzazione di una scuola materna in Lugagnano di Sona nonchè di ogni atto annesso, connesso o presupposto” proposto dalle imprese Campana Costruzioni Srl, Lussignoli Associati Società di Ingegneria Srl, Ubi Leasing Spa contro il Comune di Sona e il Consorzio Cooperative Costruzioni – Ccc – Società Cooperativa.

 

La Sezione Prima del Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto – viste le memorie difensive – ha quindi accolto il ricorso e ha annullato l’affidamento dell’appalto. Ordinando che quanto deciso sia eseguito dall’autorità amministrativa.

 

Per conoscere i motivi di tale decisione bisognerà aspettare che vengano depositate le motivazioni della sentenza, ma ad oggi resta l’effetto dirompente di questa decisione dei giudici amministrativi. Che va ad interrompere il già travagliatissimo iter per la realizzazione  della nuova scuola materna che Lugagnano aspetta da anni, tra tante promesse sempre putroppo disattese, e che rende ancora più drammatico il problema della scuola nella frazione.

 

C’è da augurarsi che il Vicesindaco Vittorio Caliari, che si è occupato di questa vicenda e che in ogni occasione pubblica e privata non perde occasione di accusare le Amministrazioni precedenti per qualsiasi problema che si trova ad affrontare, non debba a sua volta essere ricordato solo per aver lasciato in eredità alla frazione di Lugagnano questa situazione irrisolta .