“Ancora un incidente: serve sicurezza in via Beccarie a Lugagnano”

Ascolta questo articolo

Il Consigliere Comunale di Nuove Prospettive e del PD Enrico Cordioli (nella foto) ha presentato il 21 agosto una interrogazione in merito all’annoso problema della viabilità e della sicurezza in via Beccarie a Lugagnano, a seguito di un nuovo incidente capitato proprio su quella strada.

 

Il Consigliere Cordioli, indirizzando l’interrogazione al Sindaco Gianluigi Mazzi, all’Assessore alle manutenzioni Dalla Valentina, al Presidente del Consiglio Comunale Merzi, al Comandante della Polizia Locale Mori e al Responsabile dei lavori pubblici Vincenzi,  scrive che “dopo due mesi la nuova giunta non ha ancora preso provvedimenti facili e non costosi. Ieri mattina è avvenuto un incidente che ha coinvolto ben 3 auto nella zona delle Beccarie a Lugagnano. Invitiamo il Sindaco a dar corso ad azioni concrete e a spronare la Giunta ad occuparsi degli effettivi problemi per la vivibilità e la sicurezza degli abitanti di Sona”.

 

“E’ importante – prosegue Cordioli – in breve tempo provvedere a scoraggiare l’eccesso di velocità e concentrarsi a favorire il benessere e la sicurezza dei nostri cittadini cercando di ridare vivibilità e tranquillità alle nostre frazioni. Segnalo che già nell’estate dello scorso anno è stata promossa dal libero comitato tra i cittadini di Via Beccarie, Corte Beccarie, Via San Francesco, Via Messedaglia, Via Salazzari, Via Coppi, Via Zanella e Via de Amicis (Lugagnano) una raccolta firme (firmata tra gli altri, oltre che dal sottoscritto consigliere, anche dall’attuale sindaco Gianluigi Mazzi) e oggetto di discussione anche nel consiglio comunale del 21 ottobre 2010”.

 

“In questo documento – spiega il Consigliere di minoranza – chiedevamo alla precedente amministrazione di intervenire sui seguenti punti e che adesso invito il Sindaco e la Giunta a prendere in considerazione: 1. operare per la messa in sicurezza della pista ciclo-pedonale, intervenendo posizionando paletti in ferro o qualsiasi altra soluzione di tutela;  2. spostare più vicino ai ponti dell’autostrada il dissuasore di velocità attualmente posto vicino alla rotonda e di attivare entrambi gli autovelox fin da subito, impedendo così che le auto provenienti da Verona continuino a sfrecciare a velocità sostenuta rendendo pertanto la via pericolosa soprattutto per i bambini; il problema è che traffico in certe ore di punta è aumentato e la situazione per i pedoni e ciclisti è peggiorata in termini di sicurezza;  3. provvedere a risegnalare le strisce pedonali che a meno di tre anni dalla realizzazione dei lavori si stanno già consumando;  4. verificare gli sviluppi e i tempi per la realizzazione del prolungamento della pista ciclabile e del nuovo tratto di strada (raccordo con via Carducci per ora non ancora realizzato) costruito dalla lottizzazione Orione di raccordo da e verso il centro paese alla zone di via Beccarie, Via Messedaglia e Via De Amicis”.

 

“Chiedo – termina il Capogruppo di Nuove Prospetive e PD – di relazionarmi sui punti sopra indicati e di relazionare nel prossimo consiglio comunale i provvedimenti e le scelte che questa amministrazione intende adottare in merito ai punti sopra indicati e, più in generale, in merito alla tutela del nostro territorio e della sicurezza delle strade del nostro comune”.