Alpini di Lugagnano, Palazzolo, San Giorgio e Sona ad Asti: ricordi di un’Adunata da sogno

E’ terminato da poche ore l’infinito e gioioso passaggio dell’immenso corteo di Alpini che ha attraversato oggi Asti per l’ottantanovesima edizione dell’Adunata Nazionale, e già i ricordi diventano patrimonio prezioso.

Anche quest’anno, come sempre, i nostri quattro Gruppi Alpini comunali non hanno perso l’appuntamento con l’Adunata Nazionale e già da venerdì fino a stamattina hanno raggiunto la città piemontese per farsi onore con la loro presenza, la loro simpatia contagiosa e la loro storia.

Con loro sono stati oltre 100mila gli alpini che hanno sfilato nel centro di Asti. “Custodi della memoria e orizzonte della gioventù”, recitava lo striscione che apriva l’immenso corteo. A seguire la fanfara militare, i reparti alpini di formazione, ufficiali e sottufficiali in servizio e i gonfaloni delle istituzioni locali e poi la sterminata schiera dei gruppi locali, tra i quali gli Alpini di Lugagnano, Palazzolo, San Giorgio e Sona. Hanno sfilato pure le Penne nere più anziane: tra loro Domenico Bo, 100 anni, ex docente universitario.

Nelle foto i Gruppi Alpini di Lugagnano, Palazzolo, San Giorgio e Sona presenti ad Asti, con anche uno scatto tutti assieme. Sopra i nostri quattro Capigruppo Alpini con l’Assessore Dalla Valentina, che degli Alpini ha il grado di Maggiore.

Articolo precedenteLugagnano Ca5: è trionfo nella finale del Campionato Provinciale CSI
Articolo successivoLa Scuola Media di Lugagnano terza al concorso internazionale di musica di Trento
Nato a Bussolengo l'8 ottobre 1966. Residente a Lugagnano sin dalla nascita, un figlio. Libero professionista nel settore della consulenza informatica. Attivo nel volontariato da 27 anni nell'associazione Servizio Operativo Sanitario, di cui è stato presidente e vicepresidente e attualmente responsabile delle pubbliche relazioni. Per 8 anni è stato consigliere della Pro Loco di Sona. E' tra gli ideatori del progetto associazioni di Sona in rete attivato nel settembre 2014 e sostenitore di progetti di rete e cooperazione tra organizzazioni no profit